Crespi d’Adda, altro che Springfield: il villaggio che il mondo ci invidia

Le case sono di ispirazione inglese, ordinate e allineate. Proprio l’isolamento geografico ha permesso a Crespi d’Adda di restare come un tempo, senza farsi fagocitare dallo sviluppo “moderno” dell’area che ha intorno, lì nella cosiddetta “Isola Bergamasca”

678
Crespi d'Adda vista dall'alto del villaggio operaio
Fonte: pagina Facebook @crespiadda

Springfield? Non proprio. Ma il concetto che c’è alla base di Crespi d’Adda non è così distante se si elimina la centrale nucleare dove lavora Homer Simpson e al suo posto si mette una fabbrica tessile, se al posto del “cattivo” Montgomery Burns si piazza l’intelligenza di due imprenditori illuminati che rispondono ai nomi di Cristoforo Benigno Crespi e del figlio Silvio Benigno Crespi, gli ideatori di un villaggio operaio che il mondo ci invidia ancora oggi, a distanza di oltre 100 anni dalla posa della prima pietra. 

Crespi d’Adda, infatti, fu costruita tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900. Siamo di fronte a un modello di città ideale, un microcosmo autosufficiente creato per tutelare la vita degli operai dentro e fuori la fabbrica. L’idea della famiglia Crespi era di dare agli operai e ai dirigenti – oltre al lavoro – anche una villetta con giardino e tutto ciò che serviva per condurre una vita qualitativamente elevata e al tempo stesso semplice attraverso la creazione di bagni pubblici, una chiesa, una scuola, un ospedale, un dopolavoro, un piccolo teatro, un centro sportivo e altri servizi. 

Crespi d'Adda, le case del villaggio allineate e spaziose
Le case del villaggio. Fonte: Facebook @crespiadda

 Crespi d’Adda, dove si trova? 

Crespi d'Adda sotto la neve
Fonte: Facebook @crespiadda

Crespi d’Adda è una frazione di Capriate San Gervasio. Si trova in provincia di Bergamo, nel cuore della regione Lombardia. Dal centro di Milano dista circa 50 minuti di macchina passando per l’A4/E64. A pochi chilometri c’è Leolandia, il parco divertimenti per bambini. Il villaggio operaio di circa 85 ettari sorge in una sorta di culla – nella parte più meridionale della della cosiddetta “Isola Bergamasca” – tra due fiumi: da una parte l’Adda e dall’altro il Brembo, che poi si uniscono poco più a sud. La fabbrica è a ridosso dell’Adda, lì c’è anche il castello della famiglia Crespi, impossibile da non notare. 

Le case del villaggio sono di ispirazione inglese, ordinate e allineate. Proprio l’isolamento geografico ha permesso a Crespi d’Adda di restare come un tempo, senza farsi fagocitare dallo sviluppo “moderno” dell’area che ha intorno.      

Patrimonio Unesco

L’Unesco, il 5 dicembre 1995, ha inserito Crespi d’Adda tra i patrimoni dell’umanità. Anche perché «è uno straordinario esempio di “città aziendale”, un fenomeno che si è sviluppato in Europa e Nord America nel XIX e all’inizio del XX secolo, espressione della filosofia prevalente di industriali illuminati nei confronti dei loro dipendenti», si legge nella scheda ufficiale dedicata al villaggio operaio.    

Al giorno d’oggi

Crespi d’Adda è una meta turistica che attira ogni anno migliaia di visitatori, italiani e stranieri. Crespi d’Adda è accessibile al pubblico gratuitamente. Non c’è un biglietto d’ingresso da pagare. Ma c’è la possibilità di partecipare a delle visite guidate. A Corso Manzoni 18 sorge il Visitor Center, che non è altro che un info point che si può contattare anche telefonicamente (029091712) o via mail ([email protected]) per prenotare una visita prima di raggiungere il posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA