Cinque Terre, un patrimonio da visitare comodamente da casa

Questi antichi borghi immersi nella natura a strapiombo sul mare sono stati inseriti tra i beni dell’umanità protetti dall’Unesco. E grazie a un sistema di telecamere è possibile “visitarli” direttamente dal salotto di casa

Il territorio delle Cinque Terre in Liguria è, senza alcun dubbio, uno dei più affascinanti del nostro Paese. Comprende i piccoli paesi di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Riomaggiore e Manarola insieme a Portovenere e alle isole di Palmaria, Tino e Tinetto.

Si tratta di borghi immersi nella natura e letteralmente affacciati sul mare. Tra questi, soltanto il paese di Corniglia è l’unico ad essere quasi del tutto inaccessibile dalla costa ed è raggiungibile tramite una scalinata di 377 gradini. Le Cinque Terre sono  veri e propri gioielli e, proprio per questo motivo, nel 1997 sono entrati a far parte dei patrimoni dell’umanità protetti dall’Unesco. Due anni dopo, è stato istituito il territorio del Parco Nazionale.

Cinque Terre, borgo di Vernazza
Il borgo di Vernazza nelle Cinque Terre

Un territorio fra mare e monti

Questi paesi della riviera ligure di Levante, sono tutti molto vicini tra loro e possono essere raggiunti anche a piedi. Infatti, Riomaggiore e Manarola sono collegati tramite una strada pedonale. Questo percorso, lungo poco più di un chilometro a picco sul mare, è conosciuto come via dell’Amore ed è uno dei sentieri più belli d’Italia. 

Nonostante si tratti di paesi a picco sul mare, i borghi delle Cinque Terre non nascono come villaggi di pescatori o per ciò che concerne le attività legate al mare, bensì si svilupparono come territori legati all’agricoltura. E per sfruttare al meglio il poco spazio, gli abitanti utilizzarono la tecnica dei terrazzamenti. In seguito, la popolazione iniziò a “prendere confidenza” anche con l’ambiente marino, dividendosi fra i commerci e le attività lungo la costa e le coltivazioni nell’entroterra. Questo territorio, in totale 3868 ettari, costituisce oggi il Parco Nazionale delle Cinque Terre, ed è uno tra i più piccoli d’Italia. Istituito nel 1999, può essere suddiviso in tre parti. L’area costiera, il fulcro del parco nazionale e la zona marina e l’area naturale del porto protetta. 

Cinque Terre, borgo di Corniglia
Veduta di alcune case nel borgo di Corniglia

Il tour virtuale

Oggi, con le limitazioni agli spostamenti tra le Regioni e i lockdown, non è possibile visitare il territorio del Parco Nazionale. In attesa della possibilità di tornare a viaggiare, è possibile ammirare questi splendidi luoghi direttamente dal proprio salotto. Sul sito del Parco Nazionale delle Cinque Terre, infatti, è disponibile un vero e proprio tour virtuale per esplorare i borghi e scoprire gli aspetti più caratteristici del parco.  

Web Hosting
Web Hosting

Rispondi