Alberobello, la capitale della Valle d’Itria non conosce la parola crisi

Siamo stati ad Alberobello questa estate per vedere che aria tirasse. Beh, il turismo va ancora forte: erano tantissimi gli stranieri (soprattutto francesi) e gli italiani che hanno scelto questa località per l’estate del 2020, quella della ripartenza post lockdown. I ristoranti? Pieni. Intenso, poi, il "traffico umano" per le vie del centro  

412
Alberobello, vista dall'alto del Rione Monti

Alberobello si può definire (senza esagerare) la capitale della Valle d’Itria, porzione della regione Puglia che piace da sempre al turista italiano e straniero. D’estate e d’inverno. E anche in primavera. Alberobello è una tappa fissa per chi scende nel Sud Italia, un posto da vedere e vivere almeno una volta nella vita. Ma forse anche due o tre.      

Il centro di Alberobello, infatti, è famoso per la presenza di migliaia di trulli, concentrati soprattutto nel Rione Monti. Non a caso questo borgo è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1996.  

I trulli di Alberobello

Alberobello nell’estate 2020 

Turisti ad Alberobello nell'estate del 2020

Siamo stati ad Alberobello questa estate per vedere che aria tirasse. Beh, il turismo va ancora forte: erano tantissimi gli stranieri (soprattutto francesi) e gli italiani che hanno scelto questa località per l’estate del 2020, quella della ripartenza post lockdown. I ristoranti? Pieni. Intenso, poi, il “traffico umano” per le vie del centro.      

A volte vi sembrerà di stare dentro Disneyland, a volte di essere stati catapultanti indietro nel tempo, parecchio indietro nel tempo. Fatto sta che il cuore di Alberobello è una chicca unica nel suo genere.

Unicum in Puglia 

Perché i trulli si possono vedere un po’ ovunque in Puglia (anche in aperta campagna), ma è impossibile trovare un concentrato di trulli così esteso e ravvicinato. Insomma, un assembramento di trulli. Si  contano, infatti, circa 1500 strutture tra Monti e Aja Piccola, lì nel centro di Alberobello.    

«La tipologia edilizia del trullo appartiene alle cosiddette architetture spontanee e rientra nella più ampia categoria delle costruzioni in pietra a secco, cioè edificate senza l’aiuto di leganti», si legge nel focus dell’architettura dei trulli sul sito ufficiale di Alberobello. Già, la domanda che tutti si pongono è come facciano a stare ancora in piedi così tanti trulli – in parole povere delle pietre appoggiate una sull’altra – dopo centinaia di anni. Dato tecnico per metterli ancora più a fuoco: già verso la metà del XVI secolo il distretto di Monti era occupato da una quarantina di trulli…    

Insomma, si può parlare di antica ingegneria rurale che ha fatto centro e che non conosce la parola decadenza. Del resto, i trulli sono ancora fonte di ricerche e dibattuti. Vengono studiati nei corsi universitari di architettura, soprattutto all’estero.  

Cosa vedere in un giorno 

Alberobello si gira a piedi nel giro di un giorno. Parcheggiate la macchina e scordatevela. E’ bello perdersi nelle stradine in salita (o in discesa) del Rione Monti e Aja Piccola. Merita una visita il Trullo Sovrano (costo per visitarlo all’interno di 2 euro), l’unico trullo su due piani. Si trova esattamente alle spalle della Chiesa dei Santi Medici Cosma e Damiano.

Alberobelli, il trullo sovrano dall'esterno
Il Trullo Sovrano dall’esterno

Imperdibile poi il Trullo Siamese, così come la Chiesa a Trullo, nella parte più alta del Rione Monti, di fronte ad una villa comunale. E’ piccolina ma ha il suo fascino anche all’interno. E’ intitolata a Sant’Antonio.   

Esiste, inoltre, il trullo più piccolo di Alberobello, che è stato trasformato in un negozio di souvenir. Per gli amanti delle fotografie e di Instagram c’è anche un terrazza panoramica, preziosa per inquadrare i trulli da una posizione privilegiata.