sabato 18 Maggio 2024

Pantelleria, ritrovato in mare un aereo della seconda guerra mondiale

Un’operazione congiunta di Aeronautica, Soprintendenza della Regione e Guardia Costiera ha permesso il recupero di un caccia intercettatore Macchi C.202 Folgore risalente al periodo della Seconda guerra mondiale

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Recuperati nei fondali di Pantelleria, in località Mursia, i resti di un aereo della seconda guerra mondiale. Si tratta di un caccia intercettatore Macchi C.202 Folgore, inabissatosi a 30 metri di profondità nel 1943. 

Per portare a termine l’operazione di recupero hanno lavorato, congiuntamente, l’Aeronautica militare – Distaccamento aeroportuale di Pantelleria, la Soprintendenza del mare della Regione Siciliana e dalla Guardia costiera – Ufficio circondariale di Pantelleria con l’ausilio del 3° Nucleo subacquei della Guardia costiera di Messina.

Pantelleria, l’aereo ritrovato

Del velivolo, individuato in fondo al mare già nel 2010, era già stata recuperata l’elica tripala metallica prodotta dalla Piaggio (un’elica a passo variabile in volo e velocità costante del diametro di oltre tre metri), già musealizzata nella sede dell’Aeronautica Militare di Pantelleria. 

Dell’areo è consultabile una documentazione video-fotografica completa, un rilievo fotogrammetrico e una ricostruzione tridimensionale di dettaglio del relitto. Inoltre, è stato riportato alla luce anche il propulsore: un motore 12 cilindri invertito.

L’intervento del 3° Nucleo subacquei della Guardia costiera di Messina, infine, ha permesso di completare il delicato intervento di recupero del piano alare. Grazie a un supporto metallico creato direttamente sul fondale di 30 metri e l’utilizzo di palloni di sollevamento il fragile reperto, che conserva ancora intatte molte delle sue componenti, è tornato in superficie. Tutta l’operazione è durata due giorni, dopo 80 anni di permanenza dell’aereo sul fondo del mare.

pantelleria, motore del Macchi 202 C.
Motore del caccia Macchi 202 sui fondali di Pantelleria (Credit: photo Salvo Emma – immagine da Uff. stampa Regione Siciliana)

Una testimonianza della storia

«Il mare – afferma l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato – ci restituisce una testimonianza della nostra storia recente, grazie a un intervento condotto con grande professionalità da tutti i soggetti che si sono spesi affinché la riemersione di tutte le parti del caccia potesse essere portata a termine. L’aereo recuperato assume grande importanza sia per ciò che rappresenta nella storia dell’Aeronautica militare italiana sia per la memoria dei drammatici frangenti del conflitto mondiale che interessarono l’isola di Pantelleria». 

Tutti i reperti si trovano adesso nella base dell’Aeronautica militare di Pantelleria per il primo trattamento di desalinizzazione. Un’attività multidisciplinare di studio già avviata da qualche mese, e alcuni interventi di consolidamento strutturale e restauro, consentiranno a breve di esporre il velivolo ricomposto all’interno del contenitore naturalmente vocato, l’hangar “Nervi”, sull’isola di Pantelleria.

aermacchi 202
Il velivolo Macchi C. 202 (immagine da Uff. stampa Regione Siciliana)

La storia del velivolo Macchi C.202

Progettato dalla italiana Aeronautica Macchi, rimase in produzione tra il 1941 ed il 1943. Si trattava di un caccia intercettatore diurno interamente metallico, monomotore, monoposto, monoplano ad ala bassa a sbalzo con carrello retrattile. Impiegato nella seconda guerra mondiale dalla Regia Aeronautica, era equipaggiato inizialmente con il motore tedesco DB 601A, in seguito costruito su licenza dall’Alfa Romeo. Inoltre, montava un armamento di due mitragliatrici da 12,7 mm e, nelle serie successive, due armi alari da 7,7 mm. 

Dotato di tutte le caratteristiche più moderne per un caccia dell’epoca, come ipersostentatori e tettuccio chiuso, trovò il suo utilizzo privilegiato nello scacchiere del Nord Africa, dove si alternarono gran parte degli stormi che impiegarono il “Folgore”. 

Il velivolo recuperato a Pantelleria è un Macchi C.202 bis serie XI, dotato del più potente motore DB605. Costruito, nel novembre del 1942, dalla ditta Breda di Milano, secondo le informazioni fino ad ora disponibili, e probabilmente abbattuto mentre difendeva Pantelleria dai bombardamenti anglo-americani durante le fasi finali della operazione Corkscrew a Giugno del 1943.

L’inquadramento storico

I mari e i cieli della Sicilia furono teatro di intensi e drammatici avvenimenti bellici nel corso della seconda guerra mondiale, fino (e oltre) allo sbarco del 10 luglio 1943. L’operazione “Husky”, avviata dalle truppe alleate con l’obiettivo di aprire sul suolo italiano un fronte per l’Europa continentale, trovò nell’antefatto della conquista dell’isola di Pantelleria uno dei punti di partenza. Battezzata dagli inglesi “la Gibilterra italiana” e definita da Winston Churchill “una spina nel fianco”, l’isola di Pantelleria è stata al centro di operazioni preventive finalizzate all’eliminazione dei presidi strategici presenti sulle isole a sud della Sicilia. 

Dopo la resa delle forze dell’Asse in Africa settentrionale tra l’11 e il 12 maggio 1943, gli Alleati iniziarono i preparativi dello sbarco in Sicilia del 10 luglio, avviando l’operazione “Corkscrew”, così da togliere finalmente il “tappo” che ostruiva il Canale di Sicilia. 

Il primo e più importante obiettivo fu l’isola di Pantelleria, per i suoi impianti radar, il campo d’aviazione e l’annesso l’hangar “Nervi”, l’aviorimessa protetta più grande dell’epoca che poteva accogliere fino a 80 aerei. Dal 9 maggio al 11 giugno 1943 gli aerei Usaf e Raf bombardarono continuamente Pantelleria che rimase, in seguito, isolata via mare da un blocco navale. L’11 giugno 1943, dopo quasi un mese di bombardamenti aerei (con oltre 6.200 tonnellate di bombe sganciate), arrivò la resa della guarnigione presente sull’isola.

Nei suoi fondali giacciono, come testimonia questo recupero, molteplici relitti di mezzi navali e aerei, testimoni drammatici di una vicenda terribile e nel contempo grandiosa, di cui ricorre quest’anno l’ottantesimo anniversario.

LEGGI ANCHE: Grado, sensazionale scoperta archeologica: ritrovata una nave romana

Articolo aggiornato in data 6 Luglio 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)