venerdì 19 Aprile 2024

Mugello da Fiaba, la Regione Toscana presenta la nona edizione

Presentate le iniziative previste a Borgo San Lorenzo dall’8 al 14 maggio all’insegna della letteratura, del teatro, della musica e dell’arte. Il filo conduttore dell’edizione 2023 sarà l’anniversario dei 100 anni dalla nascita di Italo Calvino

Mugello da Fiaba giunge alla sua nona edizione, che quest’anno si svolgerà dall’8 al 14 maggio. A far da cornice al festival di letteratura, teatro, musica e arti varie per bambini e ragazzi, sarà ancora una volta Borgo San Lorenzo (Fi), che ospiterà le varie attività dell’evento in diverse location del paese: dalla storica Villa Pecori Giraldi al Monastero di Santa Caterina, oltre alla Biblioteca Comunale e le vie del Centro Storico.

Il filo conduttore che quest’anno caratterizzerà Mugello da Fiaba celebra i 100 anni dalla nascita di Italo Calvino, tra gli scrittori più amati e importanti del Novecento. In particolare si fa riferimento al suo romanzo “Le città invisibili”, pubblicato nel 1972, nel quale la letteratura diventa un gioco, come una costruzione che viene eretta e poi distrutta.

Saranno dunque tanti “invisibili incastri condivisi” a legare le tante attività del festival organizzato dal Centro Remida di Borgo San Lorenzo, l’Assessorato alla cultura del Comune di Borgo San Lorenzo, in collaborazione con Officina Cultura Borgo San Lorenzo, la Scriveria con la direzione artistica di Serena Pinzani e le numerose realtà del tessuto associazionistico mugellano.

Mugello da Fiaba, il manifesto

Proprio le città invisibili di Calvino fanno da sfondo all’illustrazione del manifesto di questa nona edizione del festival: città immaginarie, rappresentate sopra nuvole sospese in un cielo stellato. Ad unirle alcune scale a pioli, che si snodano come strade tra il blu scuro dello sfondo. E poi pesci, navi, razzi, tutto quello che la mente può creare pensando a luoghi invisibili. In alto una luce proviene da un faro di una delle città sospese: illumina il buio. Un concetto difficile da immaginare, ma che Santo Pappalardo è riuscito addirittura a disegnare per la rassegna letteraria mugellana. Tanti libri e tanta lettura ad alta voce.

Tutto esaurito anche il “Fuoriclasse” di Mugello da Fiaba, la proposta laboratoriale per le scuole di ogni ordine e grado che vedrà a Villa Pecori Giraldi scolaresche da tutta la provincia di Firenze. Non mancheranno i momenti ludici con i giochi del Palio di Paleo, il Ludobus, i tornei di giochi da tavolo in collaborazione con Creativamente e Da Vinci Giochi che si incastreranno con gli eventi previsti nel centro storico di Borgo San Lorenzo, fino al Monastero di Santa Caterina sede di una versione da fiaba della mostra mercato artigiana di Apotheka.

mugello da fiaba: pinzani, mazzeo, becchi
Da sinistra: la direttrice artistica Serena Pinzani, il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, il vicesindaco e assessore alla Cultura di Borgo San Lorenzo Cristina Becchi con il manifesto di Mugello da Fiaba 2023

Il festival dei bambini

«Mugello da Fiaba è un esempio concreto di come fare avvicinare i ragazzi e le ragazze della scuola ai nuovi mezzi di comunicazione – ha detto Antonio Mazzeo presidente del Consiglio regionale – e cercando di trovare nuove forme di socialità e dello stare insieme, Borgo San Lorenzo per alcuni giorni diventa la capitale toscana della fiaba e del gioco. È un’iniziativa rivolta ai giovani che vede però l’impegno concreto dei docenti dei vari istituti scolastici ad aiutare le nuove generazioni ad avvicinarsi in modo creativo al mondo della cultura».

«Importante continuare a sostenere questa iniziativa che ha portato – ha detto Cristina Becchi assessore alla cultura del comune di Borgo San Lorenzo – nel nostro comune oltre 14mila presenze, quest’anno il festival è dedicato a Italo Calvino, in occasione dei cento anni dalla nascita, ed in particolare al suo romanzo Le città invisibili. Un progetto dedicato ai bambini, ma che vede anche il coinvolgimento degli adulti, in una serie di giochi che portano ad una crescita culturale e umana».

«Un evento – ha dichiarato la direttrice artistica del Festival Serena Pinzani – che diventa prima di tutto il festival dei bambini che in questi giorni imparano a riutilizzare e riportare in vita materiali già usati e attraverso la danza, la musica, il teatro e l’arte riescono a dare vita ad un modo nuovo e consapevole di avvicinarsi alla cultura e alla creatività».

LEGGI ANCHE: Toscana, un tuffo nella culla del Rinascimento fra arte e sapori

Articolo aggiornato in data 2 Maggio 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)