venerdì 24 Maggio 2024

Multilateralismo: Italia, Giappone e Europa insieme per rilanciarlo

I rapporti tra Usa e Cina sono ai minimi termini. Questo scontro non accenna ad affievolirsi con la nuova amministrazione Biden. Il recente summit diplomatico USA-Cina, appena conclusosi in Alaska, ha dato riprova del divario crescente tra i due paesi. E' fondamentale tracciare il percorso che Italia, Europa e Giappone possono intraprendere, uniti, per rilanciare la governance globale

di Giulio Pugliese *

Il 2020 è stato un annus horribilis per l’Italia, l’Europa e per l’ordine internazionale tutto, giù giù fino al Giappone. Al di là delle enormi perdite economiche e di vite umane, la pandemia ha impresso un’accelerata al disfacimento dell’architettura multilaterale che ha sorretto il buon funzionamento del sistema internazionale, dal libero commercio, alla non-proliferazione.

In realtà, la pandemia ha acuito la rivalità tra Stati Uniti e Cina, già protagoniste di una sottaciuta lotta per l’egemonia globale dai tempi dell’amministrazione Obama. Nel 2020 la guerra commerciale e tecnologica tra Donald Trump e Xi Jinping si è trasformata in una guerra di parole e – con l’inaugurazione di misure repressive su Hong Kong e il perdurare degli internamenti della popolazione musulmana i dello n Xinjiang – addirittura in una guerra tra sistemi politici antitetici.

Multilateralismo, lo scontro tra Usa e Cina

Multilateralismo: Italia, Giappone e Europa tra i titani  

Se a tutto questo si sommano le crescenti tensioni militari – dal Mar Cinese Orientale a quello Meridionale, passando per Taiwan – si può dire che l’anno passato abbia scaraventato Stati Uniti e Cina verso quella che viene sempre più apprezzata come un’incipiente nuova guerra fredda.

L’Italia, l’Europa e altre medie potenze che dipendono dal buon funzionamento della governance globale, paesi quali il Giappone, rimarrebbero schiacciati da uno scontro tra titani. E questo scontro non accenna ad affievolirsi con la nuova amministrazione Biden. Il recente summit diplomatico USA-Cina, appena conclusosi in Alaska, ha dato riprova del divario crescente tra i due paesi.

E l’Italia, l’Europa e gli altri alleati americani si troveranno sempre più tra Scilla e Cariddi, poiché dovranno effettuare una scelta di campo nei tanti dossier tecnologici, commerciali e di sicurezza in senso lato che riguardano la Cina.

Ma il rischio è che si arrivi ad una scelta di campo che ridurrebbe le relazioni diplomatiche tra le grandi potenze del 21° secolo non alla legge internazionale, ma alla legge delle giungla. Anche i rapporti commerciali e finanziari, e l’apertura delle nostre economie, rischiano di deperire qualora considerazioni esclusivamente (geo)politiche prendessero il sopravvento.

L’Istituto Universitario Europeo lancia l’appuntamento online 

È proprio per questo che l’Istituto Universitario Europeo, l’università dell’Unione Europea di base a Fiesole e Firenze, ha indetto una grande conferenza sul ruolo che Italia, Europa e Giappone possano svolgere a difesa del multilateralismo e dell’ordine liberale internazionale.

Multilaralismo, l'evento dell'università

Questa conferenza si preoccuperà di delineare i contorni delle sfide nel campo della disinformazione, dell’abuso di leve economiche a fini politici, e dell’inasprimento delle tensioni USA-Cina per poi tracciare il percorso che Italia, Europa e Giappone possono intraprendere, uniti, per rilanciare la governance globale.

Letta, Motegi, Umemoto e Laffan   

La conferenza si terrà online il 22 e 23 marzo, con interventi del neo-eletto segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, già attento osservatore di politica internazionale e di Asia orientale, il ministro degli Esteri giapponese Motegi Toshimitsu, il presidente della Japan Foundation ed ex ambasciatore giapponese in Italia, Umemoto Kazuyoshi, e la direttrice dello Robert Schuman Centre for Advanced Studies, Brigid Laffan.

L’evento inaugura formalmente l’EU-Asia Project presso il centro per la Global Governance dell’Istituto Universitario Europeo, poiché soltanto con un’attenta conoscenza dell’Asia-Pacifico possiamo prepararci al meglio ad anni pieni di sfide: Italia, Europa e Giappone uniti possono salvaguardare la governance globale e rilanciare il multilateralismo. 

 

Giulio Pugliese in primo piano
Giulio Pugliese

* Giulio Pugliese è Responsabile di ricerca presso l’Istituto Affari Internazionali (IAI) di Roma, Lecturer presso il Dipartimento di Studi Areali e Globali dell’Università di Oxford e Professore Part-Time presso l’Istituto Universitario Europeo. Si occupa di politica di potenza nell’Asia-Pacifico, con particolare riguardo per le relazioni tra Giappone, Cina e Stati Uniti. Giulio ha ricevuto un dottorato (PhD) presso l’Università di Cambridge. Ha vissuto per circa cinque anni in Giappone e ha scritto un libro a quattro mani, Sino-Japanese Power Politics. Might, Money and Minds (Palgrave Macmillan, 2017), disponibile anche in coreano.

Articolo aggiornato in data 25 Agosto 2022
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Il cenacolo delle donne, un libro di Matilde Tortora

Cosa direbbero le donne della famiglia Manzoni se si ritrovassero un giorno riunite in una stanza con le protagoniste de I Promessi Sposi? Questo incontro immaginato che spazia fra realtà storiche e immaginazione prende vita nelle pagine de “Il cenacolo delle donne” di Matilde Tortora pubblicato da Graus edizioni

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)