Millennial, il vino della generazione Y alle pendici del Vesuvio

È il nuovo prodotto di Cantina Maranto, ideato dalla coppia di enologi Antonio Giuliano e Marika Vallefuoco. La scelta del nome per omaggiare il carattere della generazione nata fra gli anni ’80 e ’90

Millennial, un nome e una generazione. E non solo. Infatti, dai vitigni delle pendici del Vesuvio nasce un nuovo vino dedicato espressamente agli appartenenti alla generazione Y (i nati dal 1981 al ’96). A idearlo sono stati Antonio Giuliano e Marika Vallefuoco di Cantina Maranto. La coppia ha dato vita a un progetto che s’intreccia con i retaggi del territorio, lo studio e la voglia di scoprire.

Il vitigno scelto per Millennial è il Piedirosso e Antonio Giuliano ricorda com’è nata questa decisione. «Abbiamo scelto il Piedirosso – ricorda – perché è un’uva molto antica a cui abbiamo dato una seconda vita. Ci regala tracce del passato, massima espressività del nostro territorio, il Vesuvio, che racconta allo stesso tempo anche la nostra storia».

Millennial, l'etichetta del vino

Millennial, come nasce il vino del Vesuvio

Il risultato è un vino dalle caratteristiche decise e intraprendenti che, come i Millennial da cui prende il nome, prende spunto dal passato per puntare al futuro. Inoltre, l’antico vitigno Piedirosso vanta anche tratti di straordinaria modernità. Gestito correttamente, infatti, è in grado di donare raffinatezza e si fa modellare sotto il tocco dell’enologo. Come spiega Antonio Giuliano, «ogni vitigno si comporta in modo diverso, secondo i propri tempi. Non c’è una ricetta per fare un buon vino, c’è bisogno di tanto studio facendo tesoro dalle osservazioni del passato, utilizzando conoscenze attuali legate alla tecnologia».

Così, al rispetto per il passato si unisce la voglia di imparare, sperimentare e osservare. Soprattutto le altre culture per attingere sempre il meglio.

Millennial
Una bottiglia di Millennial di Cantina Maranto

Infatti, i due creatori Antonio e Marika, hanno scelto, come vaso vinario (serbatoio utilizzato per contenere il vino nelle diverse fasi della lavorazione) il cemento, legato alla tradizione francese. «Per il Piedirosso – spiega l’enologo – il cemento è un toccasana non solo per i profumi e i sapori che sa esprimere, ma anche per una questione tecnica. Promuove l’illimpidimento, che nel cemento avviene in tempi brevi, per questo motivo Millennial non è filtrato».

Caratteristiche del vino

Millennial è un Piedirosso Pompeiano IGT 2019, elegante al palato, che regala al naso sentori di ciliegia vivaci e maturi, con sfumature speziate e balsamiche. Al finale mandorlato segue una sensazione di freschezza minerale, tipica del suolo vesuviano.

Web Hosting
Web Hosting

Rispondi