sabato 25 Maggio 2024

Riforma Dop e Igp, arriva l’ok da parte della UE

Il nuovo regolamento darà più forza al ruolo dei Consorzi di tutela, maggiore protezione, anche online, delle IG e procedure semplificate, oltre agli impegni di sostenibilità

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

I vertici dell’Ue (Parlamento e Consiglio europeo) hanno dato l’assenso alla riforma Dop e Igp italiane. Si tratta di un accordo per il rafforzamento delle Indicazioni Geografiche che riguarda prodotti che vanno dal vino ai prodotti agricoli. Questa introduzione darà più forza al ruolo dei Consorzi di tutela, maggiore protezione, anche online, delle IG e procedure semplificate, oltre agli impegni di sostenibilità.

Il nuovo regolamento Ue sulle Dop e Igp è stato siglato dai negoziatori di Consiglio (il ministro spagnolo Luis Planas, presidente di turno del Consiglio Agrifish) e Commissione (il comissario Janusz Wojcechowski). Il risultato raggiunto avrà l’obiettivo di migliorare l’economia rurale e la promozione del patrimonio gastronomico europeo in tutto il mondo.

Riforma Dop e Igp, il nuovo regolamento

Il nuovo regolamento relativo alla riforma Dop e Igp entrerà in vigore nel 2024, dopo l’approvazione dei rappresentanti degli Stati membri e la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE. Vediamo quindi quali sono le nuove indicazioni. Il nuovo regolamento regolamento introduce l’obbligo di indicare il nome del produttore sulle etichette delle Dop e delle Igp, eliminando possibili abusi nel riferimento a queste indicazioni. Inoltre, viene introdotta la protezione ex-officio delle Dop e delle Igp nei domini Internet e vengono forniti poteri aggiuntivi alle associazioni di produttori per combattere le pratiche che svalorizzano tali prodotti.

LEGGI ANCHE: Made in Italy, tutte le certificazioni e come ottenerle

Con questo accordo, quindi, si avranno:

  • Semplificazione delle procedure di registrazione delle IG per ridurre i tempi di attesa;
  • maggiore protezione delle IG, anche online, attraverso l’uso di blocchi geografici nei nomi di dominio e l’adesione al regolamento sui servizi digitali;
  • rafforzamento delle associazioni di produttori, con maggiore potere e responsabilità per la designazione delle associazioni di produttori riconosciute;
  • più enfasi sulla sostenibilità, consentendo alle associazioni di produttori di concordare pratiche di sostenibilità;
  • inclusione di disposizioni relative al vino nell’ambito del nuovo regolamento;
  • protezione delle Ig utilizzate come ingredienti in prodotti alimentari preimballati.

Un successo per il modello italiano

L’ok alla riforma Dop e Igp con l’introduzione del nuovo regolamento rappresenta un successo per il modello italiano. Ne è convinta Origin Italia (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche), associazione che rappresenta oltre il 95 per cento delle nostre produzioni Ig. Come ricorda il presidente, Cesare Baldrighi, si tratta di «un obiettivo raggiunto grazie a un lavoro di concerto tra il mondo produttivo e quello politico che dimostra come quello italiano sia ancora una volta un modello per quanto riguarda il settore delle Dop Igp».

Per Confeuro (Confederazione degli agricoltori europei e del mondo) il risultato raggiunto rappresenta un grande successo per l’Italia. Ora, ricorda l’associazione, sarà più facile difendere le eccellenze italiane dai tentativi di imitazione ed emulazione. Tuttavia, Confeuro ricorda anche la necessità di contrastare il fenomeno dell’italian souding non solo in sede europea. Per questo sottolinea la necessità di agire anche in sede WTO per tutelare e salvaguardare le unicità e la qualità dei prodotti italiani nel mondo.

Articolo aggiornato in data 11 Novembre 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Il cenacolo delle donne, un libro di Matilde Tortora

Cosa direbbero le donne della famiglia Manzoni se si ritrovassero un giorno riunite in una stanza con le protagoniste de I Promessi Sposi? Questo incontro immaginato che spazia fra realtà storiche e immaginazione prende vita nelle pagine de “Il cenacolo delle donne” di Matilde Tortora pubblicato da Graus edizioni

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)