sabato 25 Maggio 2024

Made in Italy, come avere la certificazione 100 per cento

Ottenere questo riconoscimento è una garanzia in più sulla qualità del prodotto, dai materiali utilizzati alla lavorazione

Per un prodotto, ottenere la certificazione 100% made in Italy è una garanzia in più. Basti pensare ai prodotti della tavola e ai vini, famosi in tutto il mondo. In modo particolare, però, sono i prodotti della moda e dell’artigianato quelli che con la certificazione di essere stati realizzati nel nostro Paese acquistano una marcia in più agli occhi dei consumatori, soprattutto all’estero. Per ottenere la tanto ambita certificazione è necessario effettuare alcuni passaggi.

LEGGI ANCHE: Made in Italy, tutte le certificazioni e come ottenerle


Certificazione 100% Made in Italy: garanzie del prodotto

Sul portale madeinitaly.org è possibile trovare la procedura che i produttori devono rispettare per ottenere la certificazione 100% Made in Italy. Tutti i prodotti devono rispettare una serie di caratteristiche che, poi, sono quelle che hanno più appeal verso i consumatori: la qualità, l’origine del prodotto, il suo status, l’appartenenza e il prezzo.

LEGGI ANCHE: Shopping made in Italy, per sostenere l’eccellenza basta un click

Mentre quest’ultimo è garanzia dei prodotti importati e che vengono dalla grande distribuzioni, lo status e l’appartenenza valgono soprattutto per i prodotti più conosciuti e pubblicizzati, mentre la qualità e l’origine del prodotto sono le caratteristiche che contraddistinguono i marchi dopo, igp, doc e doc e i 100% made in Italy.


I procedimenti da seguire

Per ottenere la certificazione 100% made in Italy è necessario rispettare i seguenti requisiti. Come prima cosa l’azienda sottoscrive volontariamente il regolamento del sistema IT01 e la richiesta di certificazione. I prodotti devono essere realizzati interamente nel nostro Paese, essere frutto unicamente del lavoro dell’azienda (sia intellettuale che manifatturiero) e assicurare la tracciabilità. I materiali utilizzati devono essere di qualità, bisogna seguire lavorazioni tradizionali tipiche e realizzare i prodotti nel rispetto del lavoro, dell’igiene e della sicurezza.

LEGGI ANCHE: Caffè italiano: l’elenco dei produttori aggiornato 


Certificazione 100% Made in Italy: v
alidità e rintracciabilità

Verificata l’esistenza dei requisiti, l’Istituto per la Tutela dei Produttori italiani accorda la certificazione che ha la validità di 1 anno. Entro 30 giorni dal riconoscimento, un incaricato dell’associazione verificherà la regolarità dei requisiti presentati dall’azienda e entro un mese confermerà l’ottenimento della certificazione inserendo l’azienda nel Registro Nazionale Produttori Italiani. Per rintracciare un prodotto e verificare che un’azienda abbia ottenuto la certificazione 100% Made in Italy, è possibile consultare l’apposito portale.

LEGGI ANCHE: Giornali italiani: l’elenco aggiornato

Articolo aggiornato in data 9 Maggio 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Il cenacolo delle donne, un libro di Matilde Tortora

Cosa direbbero le donne della famiglia Manzoni se si ritrovassero un giorno riunite in una stanza con le protagoniste de I Promessi Sposi? Questo incontro immaginato che spazia fra realtà storiche e immaginazione prende vita nelle pagine de “Il cenacolo delle donne” di Matilde Tortora pubblicato da Graus edizioni

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)