Hydron by Rampini, il primo bus a idrogeno made in Italy è realtà

Fa il pieno e si sposta grazie all’idrogeno senza emettere nell’aria alcuna sostanza nociva. E per di più è frutto di un progetto completamente made in Italy, che promette di rivoluzionare il trasporto pubblico: è il bus Hydron, un 8 metri ideato e costruito dall’azienda umbra Rampini

La transizione ecologica protagonista anche del trasporto come nel caso del nuovo Hydron by Rampini, primo esempio di bus a idrogeno italiano. È un autobus realizzato completamente in Italia, con caratteristiche che promettono di rivoluzionare gli spostamenti nelle grandi e piccole città del nostro Paese.

Ma Hydron non è l’unica proposta di Rampini per migliorare la qualità dell’aria: l’azienda di Passignano, leader nel suo settore, ha infatti contestualmente presentato anche due nuovi bus elettrici che affiancheranno il fratello a idrogeno. Si tratta dei modelli a batteria Sixtron ed Eltron, lunghi rispettivamente 6 ed 8 metri, pensati specificamente per trasportare passeggeri in strade di ridotte dimensioni. I tre nuovi bus dell’azienda umbra, fondata nel 1945 e specializzatasi dal 2000 nella costruzione di veicoli green, si potranno vedere all’opera già nel 2023.

LEGGI ANCHE: INDCAR, le ultime innovazioni per il settore dei minibus

Hydron by Rampini, mix tra idrogeno ed elettrico

«Sono prodotti esclusivamente Made in Italy, sono il nostro orgoglio e la testimonianza che l’industria italiana è viva nella sua eccellenza tecnologica. Questi tre modelli hanno richiesto anni di progettazione e messa a punto, con un investimento in ricerca e sviluppo di circa 2 milioni di euro», ha dichiarato Andrea Rampini, direttore generale di Rampini, presentando i nuovi bus.

Per quanto concerne l’Hydron, primo autobus del suo genere mai costruito in Italia, il veicolo è lungo 8 metri, ha un’autonomia di 450 chilometri; il suo motore è a cella combustibile a idrogeno ed è l’unico in Europa capace di trasportare sino a 48 persone. Per realizzarlo i tecnici della Rampini hanno impiegato circa dieci anni, necessari per costruire un mezzo che fosse realmente utilizzabile e non un semplice prototipo.

Gli altri modelli di bus

Sixtron ed Eltron sono invece i fratelli elettrici dell’Hydron e si distinguono tra di loro per una differente configurazione. Il Sixtron, pensato per lavorare in un utilizzo di tipo urbano (un esemplare è già operante nell’isola di Procida); è un autobus urbano da 6 metri con piattaforma ribassata e sedute per disabili, può trasportare 31 passeggeri con un’autonomia di circa 250 chilometri. 

L’Eltron è invece l’evoluzione del precedente modello E80, il primo autobus elettrico costruito dall’azienda umbra e venduto dal 2010 sia in Italia sia all’estero. Si distingue dal suo predecessore per essere leggermente più lungo e per la maggiore potenza delle batterie: 280 kW ora che assicurano un’autonomia di 300 chilometri. Realizzato in versione a 2 o 3 porte e largo 2,2 metri, il nuovo elettrico Rampini 8 metri può trasportare fino a 48 passeggeri. Entrambi gli elettrici Sixtron ed Eltron possono ricaricare le batterie anche collegandosi alle catenarie dei tram, in modo da ottenere un’elevata autonomia in tempi ristretti.

Eltron by Rampini, bus elettrico
Il bus elettrico Eltron

Articolo aggiornato in data 28 Dicembre 2022
© Riproduzione riservata