mercoledì 24 Luglio 2024

Certificazione FederItaly, Verdone: «Strumento di sicurezza e qualità»

È stato dato ufficialmente avvio alle certificazioni per l’ottenimento del marchio “FederItaly 100% Made in Italy”: il primo marchio di origine e qualità delle eccellenze tutte italiane basato su un rigoroso processo di certificazione e sulla innovativa tecnologia della blockchain decentralizzata

Tutelare il patrimonio del made in Italy, nel nostro Paese e all’estero, mediante l’utilizzo della tecnologia blockchain. È questo l’obiettivo che ha portato alla nascita della nuova certificazione FederItaly. Ogni anno, infatti, siamo costretti a far fronte ai danni dovuti al cosiddetto italian sounding. Fa riferimento a tutti quei prodotti che tramite l’utilizzo di immagini, riferimenti cromatici o geografici si spacciano per made in Italy.

Tutelare i nostri prodotti, quindi, è uno dei motivi che ha portato al lancio di “FederItaly 100% Made in Italy”. FederItaly è una federazione senza scopo di lucro che rappresenta imprese, associazioni, consorzi, fondazioni, cooperative e professionisti di ogni settore. In particolare, la federazione si impegna a tutelare l’espressione “Made in Italy” e a contrastare il fenomeno dell’Italian Sounding, che danneggia a livello mondiale l’immagine e l’economia del nostro Paese.


Si tratta, ci spiega il presidente di FederItaly, Carlo Verdone del «primo marchio di origine e qualità delle eccellenze tutte italiane basato su un rigoroso processo di certificazione e sulla innovativa tecnologia della blockchain decentralizzata». Questo procedimento rende i dati del prodotto immutabili, tracciabili e consultabili da parte di tutti coloro che vogliano visionare la certificazione. La parte tecnica è stata sviluppata grazie alla partecipazione di due grandi Fondazioni elvetiche: la Origyn Foundation, che ha sviluppato la piattaforma di certificazione, e la DFinity Foundation, che ha creato e sostiene la blockchain Internet Computer Protocol.

Certificazione FederItaly, come funziona il procedimento

«La partnership che noi di Federitaly, abbiamo sottoscritto con Origyn e DFinity  – ricorda il presidente Verdone – offre alle imprese italiane gli strumenti per proteggere la loro proprietà intellettuale e garantire la sicurezza e la qualità dei loro prodotti, consentendo ai consumatori di verificare digitalmente l’origine italiana dei prodotti e scoprire informazioni uniche sui produttori. Utilizziamo la prima e innovativa piattaforma decentralizzata con la blockchain di Internet Computer per garantire sicurezza, velocità e affidabilità per una maggiore sicurezza  per i  consumatori che acquistano prodotti con l’etichetta “FederItaly 100% Made in Italy”».

Inizialmente, tecnici di FederItaly effettuano una rilevazione presso l’azienda che fa richiesta di accedere alla certificazione FederItaly. In questo step si verifica che i prodotti e il sistema di produzione siano al 100 per cento made in Italy. A questo punto si procede con il secondo step che prevede l’inserimento dei dati sulla piattaforma in blockchain decentralizzata. «Una volta completate le due fasi di certificazione (analisi documentale e audit fisico in azienda) verrà creato un certificato sulla blockchain di Internet Computer, associato a un codice QR. Il codice generato sarà fornito al produttore insieme per stamparlo sulle etichette dei prodotti certificati. Il consumatore potrà poi scansionare il codice QR sul prodotto e accedere al certificato sulla blockchain. Tale certificato include informazioni sul prodotto, sul produttore, sul processo di produzione, sui materiali e sul processo di certificazione».

Federitaly, il presidente Carlo Verdone
Il presidente di FederItaly, Carlo Verdone

I requisiti per la certificazione e chi può richiederla

Per accedere alla certificazione FederItaly l’essenziale è, ovviamente, che i prodotti siano al 100 per cento made in Italy. «I requisiti richiesti – ricorda il presidente Verdone – sono quelli previsti dalla Legge 166/09 art. 16 e dalle norme del Disciplinare del Marchio “FederItaly 100% Made in Italy: materie prime e semilavorati devono essere italiani e di prima qualità. Inoltre, la progettazione e tutti i processi produttivi e il confezionamento devono avvenire sul territorio italiano. Solo rispettando questi parametri ci si potrà fregiare del marchio 100% Made in Italy ed avere accesso anche a tutto il sistema di promozione internazionale della nostra Federazione.  Ogni azienda che rispecchia tale patrimonio di valori merita attenzione, tutela e può accedere alla nostra certificazione innovativa».

Il primo soggetto ad accedere alla certificazione FederItaly è il Consorzio dell’Olio Extravergine di Oliva dei Monti Tifatini. Si tratta di un consorzio di imprenditori dell’olio d’oliva e di agricoltori, tra la provincia di Caserta e Benevento. «La scelta di ammettere alla Certificazione FederItaly proprio un Consorzio fatto da piccoli produttori di olive è quantomai significativa per dare anche un valore sociale a tutto il nostro progetto».

LEGGI ANCHE: Made in Italy, tutte le certificazioni e come ottenerle

Gli strumenti e le iniziative a supporto del made in Italy

Tra le iniziative a supporto della nuova certificazione FederItaly ci sarà, nei prossimi mesi, il lancio di una piattaforma e-commerce dedicata. Basata sulla blockchain decentralizzata conterrà soltanto prodotti al 100 per cento made in Italy. «Sarà strettamente legata alla piattaforma di certificazione e in grado di garantire sicurezza, tracciabilità e la possibilità di acquistare tutti i prodotti delle eccellenze italiane certificate. Questa piattaforma di e-commerce sarà la prima al mondo realizzata con queste caratteristiche e già sta suscitando interesse e attenzione da parte di grandi player internazionali».

Tuttavia, questo non è l’unico progetto di sviluppo dell’ecosistema di certificazione FederItaly. Tra le principali iniziative su cui lavora la Federazione, il presidente Carlo Verdone ricorda il progetto e la realizzazione del primo Marchio Made in Italy, Etico e Sostenibile sempre basato su blockchain e certificato da FederItaly. «Innovazione e trasparenza sono le parole chiave di tutti i progetti di FederItaly che mirano a proteggere e valorizzare il Made in Italy, garantendo ai consumatori prodotti autentici e di qualità. Un percorso innovativo legato anche alla piattaforma della certificazione, che riesce concretamente a garantire la sicurezza, la tracciabilità e la possibilità di acquistare tutti i prodotti delle aziende e delle eccellenze italiane».

LEGGI ANCHE: Made in Italy, come avere la certificazione 100 per cento

© Stampa Italiana - Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Script in Progress, Anica Academy Ets annuncia il lancio del bando per la seconda edizione

Anica Academy ETS propone ai giovani sceneggiatori Script in Progress, un workshop intensivo focalizzato sul processo di sviluppo e sulla comunicazione di idee originali per il cinema, con partenza il prossimo 17 Giugno 2024 per la durata di 4 mesi

Una fotografia dell’America Latina nell’ultimo libro di Giorgio Malfatti

Presentare una fotografia dell’America Latina con un focus su tre maroargomenti: democrazia, populismo e criminalità. Questo il contenuto dell’ultimo libro dell’ambasciatore Giorgio Malfatti presentato alla Camera dei Deputati

Violenza di genere: storie di donne e il loro coraggio

Le tante forme di violenza di genere, le dipendenze affettive e l’indipendenza economica della donna sono le tematiche che hanno caratterizzato il secondo incontro di “Autrici a confronto”

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)