lunedì 24 Giugno 2024

Tornerò a vedere il mare, un libro di Orietta Bosch

Orietta Bosch partecipa alla quinta edizione della Fiera del Libro Online (edizione autunnale) dal 20 ottobre al 5 novembre 2023

Tempo di lettura stimato: 10 minuti

Non è da poco per un’infermiera in pensione decidere di cambiare la propria vita aprendo il cassetto dei sogni convincendosi di poterli realizzare, dimostrando a tutti che non è mai troppo tardi per credere in se stessi e iniziare a spiccare il volo. Le sue storie sono tratte da storie vissute che vanno a fondersi con i sentimenti, le emozioni, che toccano l’anima attraverso la tessitura dei testi destinati ad essere pubblicati.

Ascolta le storie che le vengono raccontate, le elabora con delicatezza e le elabora con la magia delle parole. Autrice di numerosi romanzi, anche in lingua, la Bosch ci insegna che bisogna avere tatto e leggere i suoi libri con amore per entrare nelle personalità dei personaggi, nei luoghi dove sono ambientati ma soprattutto nell’anima dei protagonisti.

Tornerò a vedere il mare, presentazione dell’opera

Il protagonista, personaggio realmente esistito, narrava e Orietta si è sentita talmente toccata e immersa in essa che ha voluto condividerla in quanto la storia era pregna di importanti significati. Scrivendola è sicura, o almeno si augura, che possa trasmettere le stesse emozioni, la stessa magia che allora invase il suo animo. È una storia vera che insegna come la natura riesca a mantenerci in salute sia fisica che mentale. Quell’uomo aveva più di ottant’anni e quel giorno, sorridendo in riva al mare, le insegnò una pagina di vita, di coraggio e determinazione tanto da rimanere senza fiato mentre ascoltavo la storia.

Lo sguardo della Bosch si perse all’orizzonte dove la linea del mare si fondeva con il cielo stellato. In quell’istante tutto ciò che serrava la sua mente si dissolse, si trovò in perfetta sintonia con tutto quello che la circondava in quanto in quella stessa notte di luna piena, tutti gli elementi della natura erano presenti: acqua, terra, fuoco, aria e mare creando magia pura. 

Quell’uomo le raccontò che nel 1943, dopo un bombardamento, venne sbalzato dalla barca in cui si trovava, si salvò ma non rivide più la sua famiglia. Aveva 5 anni quando successe e non ricordava quasi nulla di ciò, ma dalla sua mente emergeva un episodio: aveva visto il volto della mamma nella luna. Rincorse la luna tutta la vita per rivedere nuovamente il suo volto, quasi come una preghiera che, con fede, inviava al cielo. Solo il contatto con la natura e l’amicizia con un cervo lo salvò e gli insegnò a non arrendersi mai, nonostante il dolore, nonostante la disabilità e la povertà.

Quella di Nicola (il protagonista) è una storia che ci insegna che la felicità è nelle nostre mani basta realizzare il proprio potenziale e diventare la migliore versione di sé stessi. Il suo rapporto con la luna lo aiutava a non perdere le sue radici a non dimenticare mai da dove era partito per apprezzare dove era arrivato. Ascoltando la sua storia, Orietta comprese che esisteva un’arte di vivere capace di mutare in bellezza anche il dolore: quasi sempre impariamo a vivere dopo la sconfitta. È un libro speciale perché magico è stato scriverlo in riva al mare…

CTL e Libeccio Edizioni hanno creduto e pubblicato questa storia con le illustrazioni di Daniele Cossar. Il libro ha ottenuto un diploma d’onore con menzione d’encomio al concorso internazionale Michelangelo Bonarroti a Saravezza, Versilia, Toscana.

I libri di Orietta Bosch

“Viaggiando nell’ignoto” Albatros edizioni, tradotto successivamente in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Vince un diploma d’onore con la versione inglese (pubblicata da Europe book Londra) in Svizzera. Qualsiasi storia, anche quella apparentemente più ordinaria o monotona, ha sempre qualcosa di unico. Per questo scrive quello che le persone raccontano, soprattutto di storie che narrano di coraggio.“Scusa, Sorry” CTL Edizioni, “Anna”, in italiano e in versione inglese. “Giulia in fuga da se stessa”, “Tornerò a vedere il mare” e “L’anima nel vecchio baule” (CTL e Libeccio Edizioni). 

La sua più grande forza è scrivere. Le hanno detto che: La più bella età di una donna è quando smette di compiere gli anni ed inizia a compiere i suoi sogni. Dopo la pensione, ha iniziato a pubblicare quello che scrive in quanto crede che ogni passione mancata sia una pagina di vita non scritta. Le sue interviste si possono facilmente trovare sul canale Youtube “I libri di Orietta Bosch”

Tornerò a vedere il mare, prefazione

orietta bosch
La scrittrice Orietta Bosch, autrice di Tornerò a vedere il mare

Firmata da Teresa Laterza.
«Preferisco pensare alla scrittura come a una testimonianza delicata, un gesto d’affetto nei riguardi di una memoria che se ne va e muore anzitempo. Una esperienza che ti fa cambiare l’angolo dello sguardo, un arricchimento di prospettive accompagnato forse da un infantile desiderio di seduzione. Ma fuori dei canoni, dentro le invenzioni di una mente “inquieta”». In queste parole di Dacia Maraini ritrovo l’essenza della scrittura e al contempo il senso (testimonianza delicata) della storia narrata in questo libro dall’autrice Orietta Bosch, anche se di inventato in questo caso non vi è nulla. Esistono tanti modi di amare, di manifestare il nostro esserci. Sicuramente uno tra i più incisivi è quello di donare un pezzettino di noi, della nostra storia, del nostro tempo al mondo. 

E quale maniera migliore di farlo se non attraverso la scrittura? Le parole pronunciate col tempo possono essere dimenticate, perdere la loro intensità emotiva, ma quelle che si adagiano sulla carta, quelle che si imprimono con l’inchiostro rimangono inalterate; e quand’anche la memoria dovesse fare brutti scherzi si può tornare a rileggerle, come si fa con tutti quei libri che ci hanno lasciato qualcosa di importante: un insegnamento, un consiglio, un aiuto, e che in momenti particolari dell’esistenza sentiamo l’esigenza di riprendere in mano. Ogni cosa che capita sul sentiero che chiamiamo vita non è mai per caso. Ogni avvenimento, incontro, accade per uno specifico motivo, anche se magari al momento non ne comprendiamo la ragione. Scrivere è uno dei più grandi atti d’amore verso sé stessi e verso gli altri. È la forma più gentile del comunicare. 

Ed è con amore e gentilezza che Orietta Bosch ci dona queste intense pagine che raccontano l’incontro dell’autrice con una persona speciale, Nicola, che le narra la storia della sua vita e che la Bosch decide di fissare sulla carta affinché possa essere motivo per riflettere sul senso dell’esistenza, per  comprenderne i veri valori, per imparare ad amare in modo puro, donando. Un racconto denso di avvenimenti.

Prefazione: seconda parte

tornerò a vedere il mare
Copertina di “Tornerò a vedere il mare”. Libro di Orietta Bosch

Pagine di vita che regalano forti emozioni. Con una scrittura semplice e spontanea l’autrice riesce a prendere per mano il lettore accompagnandolo in un viaggio di scoperta non solo dei protagonisti ma anche di sé stesso. Non si può, infatti, non immedesimarsi nel racconto. Capiterà così di soffrire, di gioire, di meditare insieme agli attori della storia. L’autrice affronta due tematiche delicate: l’adozione e la disabilità, lasciando una importante lezione di vita sia per chi sperimenta sulla propria pelle queste realtà sia per coloro che devono relazionarsi con persone che vivono tali condizioni. 

Fanno molto riflettere le parole dell’autrice quando scrive che il vero amore è quello adottivo. In effetti non ci vuole nulla a procreare, a mettere al mondo dei figli, spesso nemmeno l’amore… Ma quando adottiamo un figlio, quando scegliamo un partner o un amico lo facciamo con convinzione, perché desideriamo amare, prenderci cura, tutelare e aiutare la persona che abbiamo scelto. È dunque una scelta responsabile, consapevole e matura. E se si decidesse di adottare un disabile?

Ecco… credo che non ci possa essere al mondo forma d’amore più pura, autentica e sincera, anche perché l’unica vera disabilita nella vita è il cattivo atteggiamento. In queste pagine ci sono sogni, speranze, paure, sofferenze, attese, ma soprattutto c’è quel filo invisibile e misterioso che ci fa sentire tutti Uno con la natura, attraverso l’amore. Nessun altro scopo si ha nella vita se non quello di amare con tutte le nostre forze, con tutto il nostro cuore. È l’amore l’unico senso dell’esistenza, e in queste pagine lo si può avvertire, toccare, respirare… Magia …

Orietta Bosch: la biografia

Orietta Bosch vive a Mariano del Friuli (Go) classe 1959. Una carriera che conta quarant’anni di esperienza come infermiera formando la sua vita. Dopo il pensionamento, ha deciso di cambiare vita e iniziare a scrivere. Usa un linguaggio semplice e genuino tanto che tocca le corde più sensibili dell’animo dei suoi lettori. 

Definisce la sua scrittura: terapeutica. La scrittura ha il vantaggio di fermare i pensieri che vagano confusi nella sua mente, favorendo un distacco momentaneo dalle forti emozioni. Oggi usa la scrittura espressiva basata su storie vere ma i suoi albori sono caratterizzati da una scrittura autobiografica.

LEGGI ANCHE: Dietro la tenda del passato, un romanzo di Orietta Bosch

Ha sempre raccolto i suoi pensieri in dei diari in cui raccontava gli eventi della sia vita, le emozioni e i dolori. Scrivere, ha avuto nei momenti bui un potere curativo, soprattutto per la sua anima, specie dopo la morte di suo figlio. Scrivere la sua vita è stato come leccarsi le ferite, dopo un grave lutto avvenuto quando aveva quarantaquattro anni. La definisce un’età di ripensamenti, di bilanci e di riflessioni, e spesso anche di svolta. Lo stimolo di partenza è stata questa perdita importante ma, ad un certo punto, ha avvertito la necessità di rimettersi in discussione. Non era necessario, in quel momento, saper scrivere: bastava aver qualcosa da raccontare.


I libri dell’autrice possono essere acquistati direttamente dal sito della CTL Edizioni chiamando al numero 0586 806376 i lettori potranno avere il 5 per cento di sconto sul libro, la casa editrice lo spedirà a casa pagando alla consegna e in più il lettore potrà avere un altro libro in omaggio. Il libro Tornerò a vedere il mare è acquistabile qui.

Promozione a cura di Silvana Carolla
Fiera del Libro Online

Articolo aggiornato in data 9 Aprile 2024
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Autrici a confronto, un incontro sulla violenza di genere

Tre libri con un unico filo conduttore, quello della violenza di genere e degli spunti per contrastarla. Questi i temi che hanno caratterizzato la rassegna Autrici a confronto, un incontro organizzato dall’On. Martina Semenzato, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)