sabato 25 Maggio 2024

Scuola all’aperto: dal centro di Acireale un esempio vincente 

La struttura è quella dell’ex Collegio Santonoceto, abbandonato e poi recuperato attraverso un lavoro enorme da parte della Zelos Onlus. Nel giro di pochi anni. Onlus che adesso si è vista premiare dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con l’approvazione del progetto Maestra Etna

Un aranceto di 4000 metri quadrati trasformato in una scuola all’aperto. Uno spazio enorme dove i bambini giocano, si divertono e apprendono tra alberi, sorrisi, orti, libri e una biblioteca.

Questo posto, un’oasi felice fuori dal tempo, si trova nel centro storico di Acireale. Precisamente a Corso Umberto, un po’ come se a Roma ci fosse una scuola del genere a Via del Corso oppure a Milano, nei pressi di Via Montenapoleone.   

Scuola all'aperto, i disegni dei bambini e alle spalle l'agrumeto della scuola
I disegni dei bambini nell’agrumeto

Scuola all’aperto nell’’ex Collegio Santonoceto

Scuola all'aperto, ecco una lezione con il maestro e i giovani studenti
Lezione all’aperto

La struttura è quella dell’ex Collegio Santonoceto, abbandonato e poi recuperato attraverso un lavoro enorme da parte della Zelos Onlus. Nel giro di pochi anni. Onlus che adesso si è vista premiare dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con l’approvazione di Maestra Etna, progetto che ha come finalità «la tutela dell’ambiente, della natura e la promozione di stili di vita sani e che coinvolgerà 100 bambini tra i 3 ai 14 anni». Già, l’ambiente. Un tema attualissimo, centrale nel recovery fund ma anche a livello planetario, tanto che Leonardo Di Caprio l’ha messo come “protagonista“ del suo docufilm.   

«Il progetto è stato presentato lo scorso luglio, dopo il primo lockdown. E’ una risposta alle conseguenze psicologiche subite dai bambini, impoveriti a livello sociale. Volevamo dare una risposta concreta all’esigenza dei bambini di tornare a contatto con i compagni e allo stesso tempo con la natura. Sono già partiti i primi laboratori, legati all’arte, alla musica, alla filosofia e al riciclo. L’educazione all’ambiente avviene anche attraverso dei corsi di sopravvivenza in natura», ci spiega Stefania Ferrara, vicepresidente della Zelos Onlus, costituita nel 2013 da Stefano Curcuruto. 

A Casa di Momo: educazione a 360° 

La scuola all’aperto di Acireale è un esempio vincente, in continua crescita. E ha un nome particolare: si chiama, infatti, A Casa di MomoComprende l’Asilo nel Bosco, la Scuola Primaria nel Bosco, un Centro Ludo Educativo e un Centro DSA BES Doposcuola, con tutor specializzati sui disturbi specifici dell’apprendimento. Insomma, una scuola a 360°. Inclusiva e rivolta alla «riappropriazione della natura ma anche della città, attraverso attività da svolgere sul territorio, come per esempio l’Etna, ma anche sul territorio urbano».

«Da dove nasce il nome? Momo è il titolo ma anche la protagonista di un libro dell’autore della Storia Infinita. E’ una piccola orfanella adottata da una popolazione di un paesino che si mette a difendere il tempo».   

Un vanto per la Sicilia 

A Casa di Momo – scuola all’aperto di Acireale che è un vanto per la Sicilia e il Sud Italia – «i maestri accompagnano i bambini alla scoperta della natura», sottolinea Stefania Ferrara.

Ancora: «Puntiamo sulla relazioni, sull’autonomia e sulla gestione di se stessi e delle proprie cose. Stimoliamo la curiosità e puntiamo sul gioco e sui sorrisi per l’apprendimento. Perché l’apprendimento deve essere legato ad un’emozione positiva. Se fosse legato alla paura c’è il serio rischio di compromettere il futuro dei bambini». 

Scuola all’aperto: l’importanza dei libri 

La scuola all’aperto di Acireale ha messo al centro del progetto anche i libri. Infatti, al suo interno è sorta una biblioteca grazie al supporto della Fondazione Atene e Roma. Conta circa 700 testi adatti ai piccoli. 

«Il libro è fondamentale, il percorso alla lettura da noi parte dai 12 mesi. Avere una biblioteca a disposizione è una cosa meravigliosa – dice Stefania Ferrara – I bimbi spesso si mettono in cerchio e leggono i libri, in maniera naturale. La lettura fa parte del loro quotidiano. Sono curiosi, lo fanno autonomamente. Infatti, molti di loro già a 4-5 anni sanno leggere».   

Tra l’altro, una delle idee è quella di creare delle piccole casette di legno nell’agrumeto dove inserire parte dei libri. Per realizzare così una biblioteca diffusa e immersa tra gli odori della zagara che avvolgono A Casa di Momo.         

Articolo aggiornato in data 16 Giugno 2022
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Il cenacolo delle donne, un libro di Matilde Tortora

Cosa direbbero le donne della famiglia Manzoni se si ritrovassero un giorno riunite in una stanza con le protagoniste de I Promessi Sposi? Questo incontro immaginato che spazia fra realtà storiche e immaginazione prende vita nelle pagine de “Il cenacolo delle donne” di Matilde Tortora pubblicato da Graus edizioni

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)