Web Hosting
Olivante
Mario e Marco Morrone, fondatori della piattaforma Olivante.it

Dimmi cosa cucini e ti dirò che olio usare. È questa, in sintesi, la mission di Olivante, piattaforma digitale specializzata nel commercio di olio Evo. La startup, il cui nome è una crasi tra olive e mercante, nasce nel 2019 grazie all’intraprendenza di due fratelli pugliesi, Marco e Mario Morrone. L’obiettivo: permettere ai ristoratori di ampliare le proprie scelte potendo attingere alle eccellenze di tanti piccoli produttori locali.

Web Hosting
Web Hosting

Durante un periodo in cui si trovavano al nord, per studio e lavoro, ricorda Mario Morrone, «portavamo spesso dell’olio da far assaggiare ad amici e colleghi. E viste le reazioni, ci siamo chiesti perché solo noi dovessimo conoscere le qualità di quell’olio. Così abbiamo iniziato a fare una serie di test per vedere come avrebbe risposto il mercato online». I risultati, molto positivi, di 3 mesi di test hanno portato allo sviluppo della piattaforma.

Olivante

Come funziona: dai produttori…

Il funzionamento di Olivante.it è molto semplice, tanto per i produttori quanto per i ristoratori. Nel caso dei produttori, ci spiega Mario Morrone, chi utilizza la piattaforma deve compilare un questionario per verificare che rispetti una serie di standard. Ad esempio, l’olio deve essere confezionato e l’etichetta deve essere stata approvata. Inoltre, l’azienda deve essere iscritta al Sian (Sistema informativo nazionale agricolo). Questo registro permette di tracciare ogni movimento che viene fatto all’interno del frantoio e certifica la provenienza dell’olio. «È una forma di garanzia, sia che l’azienda sia in regola con tutta una serie di adempimenti, ma soprattutto è una garanzia per il consumatore». Una volta raggiunto un accordo con il produttore, si stipula un abbonamento annuale «che comprende tutta una serie di servizi tra i quali l’intermediazione commerciale, la gestione delle fatture e della logistica».

Olivante

…ai consumatori

Nel caso dei ristoratori, prosegue Morrone, il procedimento è ancora più semplice. «Arrivati sul sito, possono scaricare la nostra guida agli abbinamenti e la carta digitale degli oli che abbiamo creato. Grazie a questa è facile fare match con i propri ingredienti. Sulla base di quella che è la propria cucina c’è un olio specifico, adatto per loro piuttosto che per altri ristoranti». Nella scelta di un olio, ricorda l’imprenditore, la cosa più importante non è scegliere quello «migliore, che costa meno, o che sia più vicino, ma l’olio più adatto alla propria cucina. Visto che le cultivar autoctone in Italia sono più di 400, è chiaro che ad ogni piatto potrebbe essere assegnato un olio diverso».  Per quanto riguarda la scelta vera e propria, il comportamento varia in base al ristoratore. «Molti, preferiscono “farsi guidare” sia nella scelta che nell’acquisto. Una volta ricevuta la carta degli oli possono contattarci sia telefonicamente che via mail e insieme analizziamo quali potrebbero essere gli oli più adatti. Altri, invece, che sono più abituati a lavorare online o hanno più dimestichezza con questo tipo di rifornimenti, preferiscono fare da soli, informandosi sui prezzi e facendo l’ordine direttamente per email o al telefono».

Olivante

Purtroppo, almeno per il momento, il servizio non è disponibile per i privati. «Solo i ristoranti possono scaricare la carta degli oli. Inoltre, l’acquisto sarebbe con la partita  iva e ci sono una serie di dettagli legati alla ristorazione». La mission di Olivante, afferma Morrone, è «qualità al piccolo produttore grazie alla ristorazione. Perché è l’unico modo che hanno per crescere in maniera continuativa. Il privato può comprare da 20 a 50 litri all’anno, ma non è quello che aiuta il piccolo produttore che, invece, ha bisogno di acquisti frequenti».

Oltre i confini

Attualmente, i produttori legati a Olivante sono 15, provenienti da Puglia, Molise, Sicilia e Toscana. Le cultivar rappresentate, invece, sono più di 20. Per quanto riguarda i ristoranti ci dice Morrone, «la maggior parte sono in Puglia, seguiti dalla Lombardia». 

A questi, recentemente, si è aggiunto il primo ristorante all’estero. Si trova a Kitzbühel, in Austria, ed «è stato un acquisto molto importante perché fa parte di alcuni test di mercato che abbiamo fatto con ristoranti italiani all’estero. Si è subito innamorato di Olivante, del produttore e dell’olio che gli abbiamo proposto». Morrone spera che questo sia il primo di tanti perché questo starebbe a significare un crescente successo della piattaforma. Nel prossimo futuro, conclude, oltre a un allargamento del team «l’obiettivo a breve termine è arrivare su tutto il territorio nazionale. Prima raggiungeremo un numero sufficiente di cultivar e prima potremo imporci come leader per questo tipo di servizio».

Rispondi