sabato 18 Maggio 2024

Lab Travel Group, collaborazione col museo del turismo a Torino

Dai gadget del Concorde ai menù di Pan Am, la sala propone un excursus sulla storia dell’aviazione civile, evidenziando l’impegno e il valore professionale degli agenti di viaggio di ieri e di oggi

Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un entusiasmante viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del glorioso passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.

Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.

Lab Travel Group, una mostra sul trasporto aereo

La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione. Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group, hanno curato l’allestimento. I due curatori sono testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.

Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.

lab travel group, cimeli al museo del turismo
Gadget, cimeli e memorabilia (foto da Uff. stampa m&cs)

Storia della biglietteria

Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale la merita sicuramente quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala nel museo del turismo di Lab Travel Group si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali.

Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.

lab travel group, biglietti in mostra al museo del turismo
Biglietti manuali e targhettatrice esposti al museo del turismo di Lab Travel Group (foto da Uff. stampa m&cs)

Mantenere vivo il passato

Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della sala creata grazie a Lab Travel Group, dichiara: «Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio». 

Inoltre, conclude, «in linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio».

LEGGI ANCHE: Euphemia, a Trieste e Torino il museo diffuso del turismo

Cos’è Lab Travel Group 

Si tratta di una società con sede a Cuneo fondata da Ezio Barroero, Presidente, e Michele Zucchi, AD, partecipata dal Gruppo Gattinoni. Attraverso il marchio Euphemia, gestisce la prima rete di consulenti di viaggio in Italia composta esclusivamente da agenti di viaggio altamente qualificati, ex titolari di agenzia o dipendenti di lunga data, che prendono il nome di Personal Voyager.

Ispirata al modello degli “home-based travel agents” che rappresentano circa il 30 per cento della distribuzione turistica negli Stati Uniti, Euphemia mette al centro dell’attenzione la professionalità dell’agente, liberandolo da costi fissi, oneri burocratici e rischio di impresa connessi alla gestione di un’agenzia di viaggio tradizionale. Il Personal Voyager è supportato da un back-office che gestisce tutte le attività collaterali alla vendita e può contare anche su una rete di circa 50 filiali diffuse in tutto il centro-nord, concepite come uffici in co-working e spazi di rappresentanza per incontrare i clienti.

Articolo aggiornato in data 22 Novembre 2022
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)