mercoledì 24 Luglio 2024

Savonarola, a Ferrara pubblico ammesso al restauro della statua

Le persone potranno salire sui ponteggi durante il restauro e "guardare in faccia" la statua. Per l'intervento verrà utilizzata una tecnologia sperimentale a enzimi

A Ferrara, allestiti i ponteggi, il cantiere innovativo per il restauro della statua di Girolamo Savonarola è pronto a partire. La scultura che si affaccia sul Castello Estense è ora interamente coperta da un box, che delimita un’area pensata per l’accesso al pubblico, con apposite scale su due livelli (basamento e statua). Nelle prossime settimane il cantiere potrà infatti essere accessibile, su prenotazione e in sicurezza. Appassionati e visitatori potranno così guardare “in faccia” il Savonarola e conoscere le moderne tecnologie che saranno impiegate per il restauro.  

L’assessore Andrea Maggi, più volte sul posto, ha seguito dall’inizio lo sviluppo dei lavori: «I cittadini saranno i veri protagonisti di questo cantiere innovativo, frutto della generosa donazione di un privato, Artibano Sivieri, che ringraziamo nuovamente per questo regalo a Ferrara. Il restauro di questa statua-simbolo nasce dalla città e sarà quindi messo a disposizione della città e aperto alla “partecipazione” dei cittadini». 

Ferrara, il volto della statua del Savonarola
Il volto della statua del Savonarola a Ferrara. Visibili i muschi e i licheni che intaccano la scultura

Il restauro

L’intervento, è stato interamente finanziamento con lo strumento dell’Art Bonus (per oltre 21mila euro) da Sivieri, titolare della vicina Hostaria Savonarola e sarà realizzato dalla ditta specializzata Ottorino Nonfarmale. Come spiega la restauratrice Eva Schicchi, di Bologna il tutto sarà fatto «con una tecnica sperimentale mai utilizzata prima». E aggiunge come la Ottorino Nonfarmale, insieme alla Ceruolo Ponteggi, «hanno dato un proprio contributo mettendo a disposizione particolari scontistiche e l’uso delle moderne tecnologie». 

Saranno infatti utilizzati particolari «enzimi per debellare alghe, muschi, licheni e piante infestanti che negli anni hanno intaccato il monumento dedicato al frate predicatore», opera di Stefano Galletti, che si trova al centro della piazza dal 1875, e il basamento in marmo bianco. «Dopo questa fase, di prima pulitura tramite enzimi (che quindi evita l’utilizzo di materiale chimico) – dettaglia la restauratrice – sono previsti: il preconsolidamento, il consolidamento, le stuccature e una azione protettiva finale. I prodotti saranno pensati per la statua e testati preliminarmente». 

Ferrara, la statua del Savonarola nel cantiere di restauro
La statua del Savonarola, a Ferrara, all’interno del cantiere di restauro

 Fine lavori e riapertura

A seconda delle condizioni metereologiche e di altre variabili di cantiere, si stima in circa 2 mesi la conclusione dei lavori. L’apertura al pubblico è prevista dopo le prime lavorazioni: si potrà così apprezzare l’evoluzione dell’intervento e il ripristino del monumento nel suo aspetto originario. 

«Alga&Zyme Factory srl, spin off dell’Università di Ferrara e PMI innovativa nell’ambito ricerca e sviluppo di biotecnologie vegetali per la green economy, e le ricercatrici, che sono inoltre docenti presso il Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie di Unife, hanno accompagnato le diverse fasi che hanno condotto all’avvio del restauro», spiega Schicchi. Alcune ipotesi sono state avanzate per spiegare il particolare accumulo di alghe, muschi, licheni e infestanti. Le spore che hanno intaccato la superficie della statua potrebbero derivare dalla vicina acqua del fossato del Castello e dagli accumuli in superficie, diffusi anche dalle fontane.  «Trattandosi di un lavoro che utilizza particolari tecnologie, le diverse fasi di intervento e gli esiti delle lavorazioni saranno registrate e concorreranno ad apportare un patrimonio di esperienza a disposizione del settore e di altri restauratori ed esperti».

© Stampa Italiana - Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Script in Progress, Anica Academy Ets annuncia il lancio del bando per la seconda edizione

Anica Academy ETS propone ai giovani sceneggiatori Script in Progress, un workshop intensivo focalizzato sul processo di sviluppo e sulla comunicazione di idee originali per il cinema, con partenza il prossimo 17 Giugno 2024 per la durata di 4 mesi

Una fotografia dell’America Latina nell’ultimo libro di Giorgio Malfatti

Presentare una fotografia dell’America Latina con un focus su tre maroargomenti: democrazia, populismo e criminalità. Questo il contenuto dell’ultimo libro dell’ambasciatore Giorgio Malfatti presentato alla Camera dei Deputati

Violenza di genere: storie di donne e il loro coraggio

Le tante forme di violenza di genere, le dipendenze affettive e l’indipendenza economica della donna sono le tematiche che hanno caratterizzato il secondo incontro di “Autrici a confronto”

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)