sabato 18 Maggio 2024

Oristano, il comune apre al turismo da crociera

I passeggeri della Costa Diadema, in transito tra Civitavecchia e Palma di Maiorca, hanno effettuato una visita della città alla scoperta delle sue bellezze e della sua storia, ammirando i suoi monumenti più preziosi

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Oristano gioca la carta del turismo da crociera. Il primo test con la nave da crociera Costa Diadema, che ha fatto scalo al porto industriale, in transito tra Civitavecchia e Palma di Maiorca, ha dato i risultati sperati.

Sono 4mila i passeggeri andati alla scoperta del territorio di Oristano. Tra loro tantissimi italiani, circa il 50 per cento, ma anche molti spagnoli e francesi, oltre a numerosi tedeschi, austriaci, olandesi, inglesi, belgi, svizzeri, argentini, statunitensi, asiatici e sudamericani.

«Siamo molto soddisfatti: il test è superato e siamo convinti che con la buona disponibilità di tutti, Oristano possa entrare nel circuito internazionale del turismo croceristico» dice entusiasta il sindaco Massimiliano Sanna.

Oristano e il turismo da crociera

Il sindaco, insieme all’assessore al Turismo e alla Cultura Luca Faedda, ha accolto i crocieristi al porto e, a bordo della Costa Diadema, ha partecipato a una breve cerimonia insieme al presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Massimo Deiana, al Comandante della nave, Antonio Tommaso Tateo, al nuovo prefetto di Oristano Salvatore Angieri, al questore Giuseppe Giardina, al Comandante della Capitaneria di Porto Fedeico Pucci e alle autorità civili e militari.

«È un risultato importante per la città, ma i benefici, economici e di immagine, si vedranno per l’intero territorio», commenta ancora il sindaco Sanna. Il primo cittadino inoltre, sottolinea come l’operazione abbia permesso a numerosi turisti «di conoscere le bellezze della città, di scoprire la storia di Oristano, ammirare i suoi monumenti più preziosi. Tra i tanti tour proposti hanno avuto la possibilità di scoprire Eleonora d’Arborea e le sue gesta, avventurarsi nelle vie della città per osservarne le bellezze architettoniche, ma anche ammirare la natura di Torre Grande e quella del Golfo di Oristano».

oristano, costa diadema al porto
La Costa Diadema nel porto di Oristano (foto da Uff. stampa comune di Oristano)

L’accoglienza della città

I passeggeri della Costa Diadema sono stati accolti al porto da un info-point allestito dall’Assessorato al Turismo del Comune di Oristano e dalla Fondazione Oristano. Uno stand della Coldiretti ha offerto prodotti agroalimentari tipici del territorio. Venticinque pullman hanno fatto la spola per consentire ai crocieristi di partecipare ai tour guidati in città, nel Sinis, al Nuraghe Losa e nell’area archeologica di Santa Cristina di Paulilatino.

Il Comune e la Fondazione Oristano hanno allestito il meeting-point all’Hospitalis Sancti Antoni da dove sono partiti i walking-tour guidati alla scoperta dei principali siti culturali della città (Torre di di San Cristoforo, Centro di documentazione della Sartiglia, Cattedrale di Santa Maria, Chiesa di San Francesco, piazza Eleonora e piazza Roma) e i tour liberi verso gli altri siti culturali tra i quali Terracotta Centro di documentazione sulla ceramica, l’Antiquarium Arborense, il Museo diocesano arborense e la Chiesa di Santa Chiara. 

In piazza Eleonora il Consorzio per la tutela della vernaccia ha posizionato uno stand per offrire degustazioni e vendere il rinomato vino oristanese. Tanti i turisti che hanno scelto Torre Grande, fresca bandiera blu d’Europa, dove sono in corso i mondiali di kite, organizzati da Eolo in collaborazione con il Comune di Oristano, e dove era presente un altro stand di Coldiretti per la promozione dei prodotti agroalimentari tipici.

oristano, turisti in piazza eleonora
I crocieristi in piazza Eleonora a Oristano (foto da Uff. stampa comune di Oristano)

Le prossime crociere in arrivo

«Siamo molto soddisfatti: per questa prima volta di una grande nave da crociera l’organizzazione è stata estremamente efficiente – sottolinea l’Assessore al Turismo del Comune di Oristano Luca Faedda -. È stata una prima volta, ma non sarà l’ultima. Ci stiamo già preparando al prossimo appuntamento di settembre, ma confidiamo che l’ottimo risultato di oggi ci apra le porte verso i percorsi crocieristici del Meditrerraneo».

Inoltre, aggiunge, «abbiamo lavorato su questo progetto da molti mesi, in sinergia con l’Autorità portuale che ci ha offerto questa grande opportunità. Noi ci abbiamo messo il nostro impegno, la città ha offerto le sue bellezze culturali, artistiche e ambientali. I turisti ci sembra che abbiano apprezzato e questo è quanto auspicavamo».

LEGGI ANCHE: Fondazione Oristano e Fai per valorizzare il patrimonio culturale

Articolo aggiornato in data 26 Maggio 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)