lunedì 24 Giugno 2024

Topolino magazine festeggia 75 anni a Romics XXXII

Per 75 anni la rivista, nel suo storico formato a libretto, ha accompagnato intere generazioni attraverso le storie dei tanti personaggi Disney. Questo importante traguardo è stato raggiunto con l’uscita del Topolino 3567 e celebrato con una copertina speciale

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Sono ben 75 anni che Topolino magazine esce nelle edicole col suo formato a libretto. Un traguardo raggiunto col numero 3567 della rivista. E per celebrare questo importante avvenimento a Romics XXXII è stato organizzato un incontro proprio in occasione del compleanno. Infatti era esattamente il 7 aprile 1949 che usciva il numero 1 e il 7 aprile di quest’anno si è conclusa l’edizione primaverile della kermesse fumettistica della Capitale.

All’incontro, moderato dal giornalista Antonio Ranalli, hanno partecipato il direttore editoriale di Topolino magazine, Alex Bertani, Andrea Freccero, fumettista e Art Director di Topolino che ha realizzato la copertina del numero 3567, Marco Gervasio, uno degli autori principali della rivista e la direttrice artistica di Romics, Sabrina Perucca. 

Quest’ultima ha ricordato la fortunata concomitanza dell’anniversario di Topolino con Romics. «Quando abbiamo parlato per organizzare il tutto con il direttore Alex Bertani ci siamo resi conto di questa straordinaria coincidenza. Il 7 aprile ’49 la prima uscita e il 7 aprile 2024 eccoci qui. È bellissimo, perché parliamo di un settimanale per ragazzi  che continua a sorprendere e divertire tante generazioni diverse».

Topolino Magazine, un successo intergenerazionale

Raggiungere i 75 anni di uscite in edicola per una rivista settimanale non è certo qualcosa da tutti. Si tratta, ricorda il direttore Alex Bertani, di un traguardo importantissimo «che dimostra quanto questo giornale abbia avuto al capacità di superare i tempi, di superare le stagioni della nostra società e di essere sempre capace di proporre delle cose interessanti e divertenti per il pubblico». 

Questo perché, aggiunge, «Topolino non ha mai smesso di fare intrattenimento, ma un intrattenimento di qualità che ha anche saputo formare. Ha insegnato a leggere e a scrivere ai ragazzi, ma anche gli ha insegnato la storia, la scienza, l’astronomia. Una grande capacità che lo ha fatto sopravvivere fino ad oggi con ancora tanta voglia di continuare e di proseguire su questa strada».

topolino magazin: alex bertani, marco gervasio, andrea freccero
Da sinistra: Alex Bertani, Marco Gervasio e Andrea Freccero alla conferenza sui 75 anni di Topolino magazine

Una copertina da collezione

Per celebrare questo avvenimento, però, serviva una copertina particolare. A realizzarla è stato Andrea Freccero, Art director di Topolino magazine. Il suo disegno riprende la copertina dello storico numero 1 della rivista, come una sorta di chiusura del cerchio. È lo stesso Freccero che ci spiega quali sono stati i passaggi che hanno portato al disegno definitivo. 

«È stata una copertina particolare ed emozionante – ricorda – come tutte le copertine che celebrano un evento importante . Questa segna i 75 anni di Topolino magazine nel formato in cui lo conosciamo oggi. Perché prima era uno spillato, aveva un formato diverso. Abbiamo provato un sacco di soluzioni. In origine, volevo raccontare un Topolino solo in silhouette con pochi colpi di luce, come se fosse una cosa in divenire e un augurio per il futuro, un’eterna trasformazione. Era una cosa più onirica. Poi alla fine, a forza di discuterne in redazione, abbiamo pensato alla tradizione. Questa (del numero 1, ndr) è un’immagine forte, quindi perché non riproporla con uno stile editoriale che rappresenti gli ultimi anni? Per cui abbiamo rielaborato l’immagine della copertina numero 1, abbiamo messo il colore e gli abbiamo dato un dinamismo attuale e appena vista abbiamo detto è questa la copertina giusta. Quando vedi una copertina giusta la riconosci subito per l’impatto emotivo che ti dà». 

Tra le altre soluzioni pensate, c’era anche l’idea di utilizzare più personaggi. «Abbiamo provato tantissime soluzioni – spiega Freccero -. Perché è vero che festeggiamo Topolino, ma Topolino è un raccoglitore di tanti personaggi differenti. Avevo un dubbio su chi mettere in copertina. A un certo punto, infatti, ho pensato anche a Paperino e Topolino, ma alla fine Topolino è rappresentativo di tutto e di tutti quanti».

Articolo aggiornato in data 10 Aprile 2024
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Autrici a confronto, un incontro sulla violenza di genere

Tre libri con un unico filo conduttore, quello della violenza di genere e degli spunti per contrastarla. Questi i temi che hanno caratterizzato la rassegna Autrici a confronto, un incontro organizzato dall’On. Martina Semenzato, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)