sabato 20 Aprile 2024

La Notte dei Miracoli, un concerto per gli 800 anni del presepe

L’idea dell’evento si sviluppa in occasione degli 800 anni dalla nascita del primo presepe che San Francesco realizzò a Greccio. Il progetto vuol raccontare, attraverso musica e parole, il viaggio di San Francesco nelle terre reatine

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Un concerto con grandi ospiti per celebrare l’anniversario degli 800 anni del presepe. Si chiama la Notte dei Miracoli l’evento organizzato dal comune di Rieti in collaborazione con il Comitato nazionale per l’Ottavo Centenario della prima rappresentazione del presepe – Greccio2023 e Regione Lazio, prodotto da Eurovisione eventi srl e Palco Reale srl. 

L’idea dell’evento si sviluppa in occasione degli 800 anni dalla nascita del primo presepe che San Francesco realizzò a Greccio. Il progetto vuol raccontare, attraverso musica e parole, il viaggio di San Francesco nelle terre reatine. La Notte dei Miracoli, ci spiega il direttore artistico Leonardo De Amicis, «nasce da un’idea antica. In vista degli 800 anni del presepe mi piaceva proporre un progetto e l’ho presentato al Comune di Rieti e al Comitato di Greccio. Un progetto per magnificare e raccontare con musica e con parole il significato dal primo presepe a oggi».

La Notte dei Miracoli, un evento di musica e parole

Culmine dell’evento de La Notte dei Miracoli sarà il concerto al teatro Flavio Vespasiano di Rieti del 23 dicembre. Uno spettacolo di musica e parole organizzato dal maestro Leonardo De Amicis a cui parteciperanno tanti artisti presentati da Lorena Bianchetti. Si alterneranno sul palco I Pooh, Alex Britti, Simone Cristicchi e Amara, Stefano Di Battista, Clara, Vittoriana De Amicis, Stefano Fresi, Claudia Campagnola, L’Orchestra sinfonica del conservatorio di musica “Alfredo Casella” de L’Aquila e Piceno Pop Chorus con testi originali di Paolo Logli. 

La musica – ricorda Leonardo De Amicis – è un veicolo potentissimo, forse anche più delle parole. Quindi ho chiamato molti miei amici perché vorrei festeggiare e allo stesso tempo far riflettere, spiegare e magari raccontare oppure farci raccontare anche dagli ospiti l’importanza della figura del presepe. Cos’è stato per loro, cos’è stato per l’infanzia, fino ad arrivare ai giorni d’oggi e a quello che in effetti è ed è diventato». 

Dal teatro ci saranno collegamenti con il santuario di Greccio dove andrà in scena una performance di Riccardo Cocciante. L’evento sarà trasmesso in televisione su Rai 1 il prossimo 2 gennaio 2024. 

Verso il Giubileo 2025

L’evento di Rieti, inoltre, mira a far conoscere a turisti e pellegrini la bellezza di alcuni territori molto importanti dal punto di vista religioso, soprattutto in ottica Giubileo 2025. «Penso che questi festeggiamenti per gli 800 anni di San Francesco e del Presepe  – spiega l’On. Paolo Trancassini in occasione della presentazione de La Notte dei Miracoli – possono essere la grande occasione per valorizzare la presenza di San Francesco in quel di Rieti. Perché sono accaduti due fatti molto importanti: il primo presepe, ma anche la nascita della regola francescana. Credo che se con l’unità di tutto il territorio, i sindaci, i consiglieri regionali, lavoriamo per la valorizzazione di questo messaggio potremo arrivare puntuali al 2025 e dare un’offerta religiosa in più a tutti i fedeli che verranno Roma per il Giubileo».

Un obiettivo condiviso anche dalle amministrazioni del territorio, come sottolinea la vicesindaca di Rieti, Chiara Mestichelli. «Questo è uno degli obiettivi fondamentali perché dobbiamo far conoscere il nostro territorio a tutto quel turismo religioso che troverà nei prossimi anni un momento di grande importanza. Il nostro territorio si sta preparando per accogliere dei flussi anche importanti e quindi stiamo lavorando molto».

la notte dei miracoli, conferenza stampa
Alcuni partecipanti alla conferenza di presentazione de La Notte dei Miracoli

Articolo aggiornato in data 23 Dicembre 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)