Imprenditoria femminile, dal Mise i fondi per Imprese ON e Smart&Start

Si tratta del rifinanziamento di due misure volte a sostenere la creazione di piccole e medie imprese e auto imprenditoria e per supportare startup e PMI innovative

Il Ministero dello sviluppo economico ha rifinanziato con 200 milioni di euro alcune misure agevolative a sostegno dell’imprenditoria femminile. Si tratta di Imprese ON (Oltre Nuove Imprese a Tasso zero), a supporto della creazione di piccole e medie imprese e auto imprenditoria, e Smart&Start, a supporto di startup e PMI innovative, destinando per ciascuna linea di intervento 100 milioni di euro.

Si completa così il quadro di interventi previsti dal ministro Giancarlo Giorgetti nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza, che ha stanziato per le misure in favore della creazione, sviluppo e consolidamento di imprese guidate da donne un ammontare complessivo di 400 milioni di euro.

imprenditoria femminile

Imprenditoria femminile, le iniziative a supporto

Come si evince dalla circolare del 4 maggio 2022, la misura fa parte di una serie di iniziative, nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), che hanno l’obiettivo di innalzare i livelli di partecipazione delle donne nel mercato del lavoro. Questo attraverso una strategia integrata di investimenti di carattere finanziario e di servizi di supporto.

A partire da maggio, infatti, è presente il Fondo impresa femminile. La misura voluta dal Mise incentiva le donne ad avviare e rafforzare nuove attività per realizzare progetti innovativi. I settori di riferimento vanno da quello industriale all’artigianato,  passando per la trasformazione dei prodotti agricoli, i servizi e il commercio e turismo. Il Fondo sostiene la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese guidate da donne attraverso contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.

Il via alla presentazione delle domande

Tramite una circolare il Mise dispone che, a valere su queste risorse, a partire dal  prossimo 19 maggio potranno essere presentate le domande per le agevolazioni previste da Imprese ON e Smart&Start. Sarà inoltre possibile finanziare anche i progetti già presentati dal 1 febbraio 2020 che rispettino i requisiti indicati dal PNRR. 

Per le misure Imprese ON e Smart&Start sono previste agevolazioni con finanziamenti a tasso zero e contributi a fondo perduto. E riguardo al Fondo impresa femminile sempre il 19 maggio alle ore 10 verrà aperto lo sportello online per l’invio delle domande di incentivo relative a nuove imprese o costituite da meno di 12 mesi.

Aggiornamento: quanti hanno fatto domanda

Dopo l’apertura dello sportello online sono pervenute 4985 domande da altrettante imprese, nuove o costituite da meno di un anno. Le Regioni che hanno inviato il maggior numero di progetti sono la Lombardia e il Lazio, entrambe con 729 domande. Seguono la Campania con 446 progetti e il Veneto con 433 richieste.

Il ministro Giorgetti ha commentato l’alta partecipazione delle aziende all’iniziativa. «Sono molto soddisfatto – ha affermato – della risposta a questa prima fase per incentivare lo sviluppo dell’imprenditoria femminile». E ha aggiunto che «l’enorme numero di richieste arrivate è la migliore prova dell’interesse per questa misura. Vedremo le prossime fasi e, se questo trend sarà confermato come crediamo, chiederemo ulteriori finanziamenti. Nostro obiettivo è far crescere le buone idee per fare impresa, che è un mestiere bellissimo che vogliamo valorizzare».

Stop alle domande e avvio piattaforma online

L’alta partecipazione ha comportato, per via dell’elevato numero di domande inviate già nel primo giorno d’apertura, la chiusura dello sportello dedicato. Ora, invece, a partire dalle ore 10 del 24 maggio sarà attivata la piattaforma online di Invitalia per la fase di compilazione delle domande da parte delle imprese femminili attive da oltre 12 mesi.

Articolo aggiornato in data 20 Maggio 2022
© Riproduzione riservata