Green pass rafforzato, le nuove regole della certificazione verde

La via scelta dal governo per arginare gli effetti della quarta ondata è ricaduta su una serie di regole più stringenti per accedere ad alcuni servizi

L’imperativo è evitare la quarta ondata. E la scelta per raggiungere l’obiettivo è ricaduta sul green pass rafforzato. Così, per evitare che anche nel nostro Paese l’aumento dei contagi raggiunga le cifre viste in altri Stati d’Europa, nell’ultimo Consiglio dei ministri sono state introdotte delle nuove condizioni per accedere a tutta una serie di servizi. La nuova certificazione verde, sarà rilasciata a chi ha completato il ciclo vaccinale o risulta  guarito dal Covid entro sei mesi.

Le nuove misure entrano in vigore dal prossimo 6 dicembre e resteranno valide fino al 15 gennaio 2022, con la possibilità di una proroga. Inoltre, il governo ha introdotto delle misure sulle tempistiche del vaccino e riguardo la terza dose. Vediamo, quindi, in dettaglio quali sono i cambiamenti che entreranno in vigore nel prossimo periodo. 

green pass

Green pass rafforzato, dove servirà?

Il primo cambiamento riguarda le zone a colore. Sono, infatti, state introdotte restrizioni anche in zona bianca. Ora, per salire su autobus e treni regionali bisognerà almeno dimostrare di essere negativi a un tampone, mentre per consumare in bar e ristoranti al chiuso servirà solo il green pass rafforzato. La necessità della certificazione verde è stata estesa anche ad altri settori. Ora sarà necessario anche per accedere ad alberghi, spogliatoi di palestre e piscine, per tutti mezzi di trasporto pubblico locale e per i treni regionali e interregionali. In questo caso, però, sarà valido anche il pass ottenuto mediante un tampone negativo.

Inoltre, il nuovo super certificato, si legge nel comunicato del governo, permetterà ai possessori di accedere «ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla». Come spettacoli, eventi sportivi, ristoranti al chiuso, feste e discoteche e cerimonie pubbliche. «In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere i soli detentori del green pass rafforzato».

Validità temporale

Ad essere modificata è stata anche la durata del green pass. La validità, infatti, scende da 12 a nove mesi a partire dalla data della seconda o terza dose. Infine, per quanto riguarda queste ultime, le cosiddette dosi booster, sono consentite una volta trascorsi cinque mesi dalla seconda dose. 

Web Hosting
Web Hosting

Rispondi