lunedì 24 Giugno 2024

Excellence pugliesi 2023, un premio alla Puglia e ai suoi talenti

L’iniziativa "Excellence Pugliesi 2023” vuole premiare tutte quelle realtà imprenditoriali che, con la loro eccellenza, danno risalto alla Puglia in Italia e nel mondo

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Un riconoscimento alla Puglia e ai suoi talenti. È questo lo scopo di “Excellence pugliesi 2023”, quarta edizione del premio che valorizza le realtà imprenditoriali che, con la loro eccellenza, hanno dato risalto alla Puglia in Italia e nel mondo. Una caratteristica ricordata dal motto di questa edizione: “Non è l’abbondanza, ma l’eccellenza che è ricchezza”.

L’iniziativa “Excellence Pugliesi 2023”, nasce grazie a Roberto Pansini e all’Associazione Oll Muvi, iscritta all’albo dei Pugliesi nel Mondo della Regione Puglia, in collaborazione con l’Associazione Puglia Top Quality di Giusi Malcangi.

Excellence pugliesi 2023, un riconoscimento al merito

La premiazione della quarta edizione si è tenuta presso la Camera dei Deputati. Nel corso dell’evento, tramite un messaggio, l’On. Alessia Ambrosi ha ricordato l’importanza del made in Italy e di iniziative che danno risalto alle nostre eccellenze nel mondo.  «Il made in Italy – ha aggiunto l’On. Dario Iaia – è uno dei brand più conosciuti nel mondo. Un brand su cui il governo sta lavorando tanto per la promozione». 

E di made in Italy tra i premiati di Excellence pugliesi 2023 ce n’è tanto. Come ricorda Roberto Pansini, il premio «è un riconoscimento che diamo a quelle associazioni e a quelle attività imprenditoriali e artistiche che sono un po’ nascoste. Quindi gli diamo spazio e la possibilità di potersi fare riconoscere perché, come associazione, seguiamo gli immigrati all’estero. E all’estero la nostra Italia e la nostra Puglia hanno un valore incredibile. La Puglia, possiamo dirlo, è un’eccellenza nel mondo».

La quarta edizione dell’iniziativa

A ognuno dei premiati di Excellence pugliesi 2023 è stato consegnato un attestato insieme a una piccola scultura di un pumo, oggetto tipicamente pugliese, realizzato dal ceramista Agostino Branca. Come negli anni precedenti l’associazione ha scelto di rivolgersi a quanti con la propria attività d’eccellenza hanno dato risalto alla Puglia e all’italianità. 

E proprio cercando l’eccellenza che dall’estero si rivolgono alle aziende italiane e, in questo caso, pugliesi. «Chi viene a cercare queste aziende – prosegue Pansini – lo fa perché cerca l’italianità. La Puglia ha un vasto assortimento di aziende di diversi settori ed è oggi la regione italiana, anche a livello turistico, più seguita e ammirata. Se parliamo dei pugliesi nel mondo sono più di 4 milioni quelli che risiedono in Puglia, quindi abbiamo la fortuna di avere tanti ambasciatori che promuovono la nostra terra. E perché – conclude – non dare dei riconoscimenti alle eccellenze che producono dei prodotti di alta qualità». 

Articolo aggiornato in data 11 Ottobre 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Autrici a confronto, un incontro sulla violenza di genere

Tre libri con un unico filo conduttore, quello della violenza di genere e degli spunti per contrastarla. Questi i temi che hanno caratterizzato la rassegna Autrici a confronto, un incontro organizzato dall’On. Martina Semenzato, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)