Enit all’Ibtm 2022, la fiera del turismo congressuale a Barcellona

L’Italia è ai primi posti del turismo congressuale nel mondo. Inoltre, sono quasi 2 milioni gli spagnoli che scelgono una vacanza nel nostro Paese

L’Italia è presente con Enit all’Ibtm 2022. Si tratta della fiera più importante al mondo del settore MICE (Meetings, Incentives, Conferences and Exhibitions), fino al 1 dicembre a Barcellona, che riunisce i più importanti professionisti del settore.

Il turismo congressuale è un settore in cui il nostro Paese è ai primi posti nel mondo. Nel 2021, infatti, l’Italia si è posizionata al 5º posto per il numero di congressi ed eventi organizzati, con 86.438 eventi svolti. «La meeting industry e l’industria degli eventi – ricorda la direttrice marketing Enit, Maria Elena Rossi – sono prioritari nell’ambito della strategia di crescita a valore del turismo italiano perseguita da Enit, che coinvolge sotto il brand Italia i principali attori del settore».

Enit all’Ibtm 2022, tanti incontri e appuntamenti

L’Enit – Agenzia Nazionale del Turismo partecipa all’Ibtm 2022, con uno stand di 400 mq. (stand E30) in rappresentanza di oltre 60 espositori, 18 imprese private, Convention Bureau Italia e con il coinvolgimento delle Regioni: Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia, Süd Tirol-Alto Adige, Veneto, Yes Milano e di Roma Capitale.

Durante i 3 giorni della Fiera, lo stand Italia promuove incontri b2b con una ricca agenda di appuntamenti che consente di far incontrare gli espositori con i buyer provenienti dai mercati internazionali.

Oltre 3mila sellers e incontri con 15mila professionisti del settore, provenienti da oltre 100 Paesi da tutto il mondo. All’inaugurazione ufficiale dello stand, presente anche l’Ambasciatore d’Italia in Spagna Riccardo Guariglia e del Console Generale d’Italia a Barcellona Emanuele Manzitti.

Enit all'Ibtm 2022
un momento durante l’inaugurazione dello stand Enit all’Ibtm (foto da Uff. stampa Enit)

Il turismo spagnolo in Italia

Gli spagnoli amano l’Italia. Con la presenza dell’Enit all’Ibtm 2022 a Barcellona, si è  parlato anche dei dati inerenti il turismo spagnolo nel nostro Paese.

Come dichiarato da Ivana Jelinic, ceo Enit, sono «quasi 2 milioni le notti trascorse in Italia dai viaggiatori spagnoli tra gennaio e maggio 2022, un dato significativo. Anche il turismo organizzato registra vendite incoraggianti verso l’Italia e, stando al monitoraggio Enit, per l’80 per cento dei tour operator contattati in Spagna, l’andamento complessivo delle vendite della destinazione Italia è positivo. Più della metà dei tour operator spagnoli riferisce aumenti delle vendite. Gli spagnoli in Italia stanno iniziando a privilegiare l’extralberghiero. Il 71 per cento delle presenze totali è in hotel, tuttavia a crescere di più sono le notti in b&b, agriturismi, campeggi, villaggi e alloggi in affitto, segnando un nuevo trend».

Inoltre, aggiunge Sandro Pappalardo, consigliere cda Enit, «gli spagnoli investono sull’Italia con oltre 320 milioni di euro spesi solo per la vacanza soprattutto culturale nelle città d’arte, prediligendo le città di Lombardia, Lazio, Campania, Emilia Romagna e Veneto. La ripresa è palpabile e spinge a promuovere il brand Italia e le sue magnificenze in chiave sempre più propositiva».

 

LEGGI ANCHE: Promuovi la tua Italia: call to action di ministero del Turismo e Enit