sabato 25 Maggio 2024

Distretti del cibo, un volano per lo sviluppo del territorio

Sono circa 190 realtà in tutta Italia nate, sulla base di specificità territoriali ed esigenze socio-economiche, per valorizzare il patrimonio culturale, enogastronomico e paesaggistico delle aree agricole

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Vocazione agricola e agroalimentare, produzioni certificate, riqualificazione ambientale e sociale delle aree, commercializzazione, ristorazione e bio. Sono circa 190 i Distretti del cibo distribuiti su tutto il territorio nazionale (34 al Nord, 61 al Centro e 90 al Sud e Isole)  riconosciuti dalla legge 205/2017 e iscritti nell’apposito Registro Masaf. 

Un dato questo, che sottolinea la loro crescente rilevanza quale volano per lo sviluppo e la salvaguardia dei sistemi agricoli territoriali e del paesaggio rurale, della sostenibilità ambientale delle produzioni e della riduzione dello spreco alimentare, avvalorata anche dal loro aumento del 33 per cento rispetto al 2022. Il nuovo Piano Strategico della PAC 2023-2027, soprattutto attraverso l’intervento Leader, svolge un ruolo fondamentale per sostenerne la nascita e accompagnare l’operato dei Distretti. 

Un tema trattato anche in due appuntamenti del CREA Politiche e Bioeconomia, nell’ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale. Si tratta de “I distretti per lo sviluppo agricolo” e “I distretti per lo sviluppo rurale locale”, organizzati in occasione della tre giorni organizzata a Matera, “Il Patto per promuovere l’Italia del buon cibo con la bellezza del paesaggio rurale e l’unicità del patrimonio culturale”, a cura della Consulta Nazionale dei Distretti del Cibo. 

Distretti del cibo, cosa sono

Si tratta di partenariati, ideati in base a specificità territoriali ed esigenze socio-economiche, fra i diversi attori delle filiere, istituzioni e associazioni locali, nati con lo scopo di valorizzare il patrimonio culturale, enogastronomico e paesaggistico delle aree agricole, ma anche di favorirne la redditività, la sostenibilità e la socialità. 

Il tutto con l’intento di rafforzare la coesione territoriale, nell’ottica di promuovere la crescita e contribuire alla conservazione di saperi e tradizioni produttive. Il legame con l’enogastronomia, inoltre, consente di sostenere le produzioni locali, rimarcando la connessione fra paesaggio e cibo.

Il Piano Strategico della PAC

Nell’ambito del Piano Strategico della PAC è agli interventi per lo sviluppo locale, che viene attribuito un ruolo strategico nel conseguire le finalità della “Una visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE” (Commissione Europea, 2021) finalizzata a stimolare, e poi a sostenere con strumenti concreti, uno sviluppo territoriale equilibrato. 

Nel Piano PAC, l’intervento Leader è il principale strumento di sostegno per lo sviluppo locale e sostiene la creazione di Gal (Gruppi di Azione Locale) per realizzare Strategie di sviluppo territoriali. I sistemi locali del cibo, distretti, filiere agricole e agroalimentari rappresentano uno degli ambiti prioritari di intervento delle Strategie locali Leader.

La ricerca del Crea

Il Crea Politiche e Bioeconomia ha fornito il supporto scientifico, seguendo sia l’evolversi della normativa a livello regionale (Marche, Lombardia, Basilicata) sia la nascita di alcuni distretti, attraverso analisi (quali impatto della normativa o elementi distintiti di un distretto), animazione territoriale e definizione di strumenti ad hoc, soprattutto nel contesto della nuova PAC 2023-2027. 

Inoltre, ha effettuato ed effettua studi di fattibilità per lo sviluppo di distretti agro-alimentari in chiave sostenibile. Infine, ha recentemente siglato un protocollo d’intesa con la Consulta Nazionale dei Distretti del Cibo, con l’intento sia di incoraggiare la ricerca, il trasferimento e l’integrazione delle conoscenze – in particolare su sviluppo territoriale, analisi delle politiche agricole, agroalimentari e di sviluppo rurale e sostegno pubblico – sia di intensificare i rapporti di scambio e di collaborazione con enti, istituzioni, associazioni e reti pubbliche o private, nazionali e internazionali.   

distretti del cibo, locandina evento Crea
La locandina del Crea sui Distretti del cibo

La Rete Rurale Nazionale 

Finanziata nell’ambito della politica di sviluppo rurale dell’Unione europea, ha l’obiettivo di supportare e accompagnare l’attuazione dei PSR in Italia. In questo contesto il Crea conduce azioni volte a migliorare la capacity building delle amministrazioni coinvolte, attività di animazione e informazione per favorire la partecipazione consapevole degli stakeholders e sviluppa strumenti di comunicazione rivolti alla società civile e percorsi di networking per favorire il confronto tra attori rilevanti a livello territoriale e settoriale.

L’evento del Crea, ha spiegato Alessandra Pesce, Direttrice del Crea Politiche e Bioeconomia, «si inserisce nel vasto quadro delle iniziative della Rete Rurale volte a promuovere lo sviluppo territoriale e locale. La valorizzazione delle risorse enogastronomiche, la loro interpretazione in chiave turistica e la connessione con le risorse paesaggistiche costituiscono un grande volano di sviluppo per le aree rurali: un approccio sostenibile nel tempo, che restituisce valore alle comunità locali, ai saperi, alle tradizioni. Con questi riferimenti i distretti del cibo sono interpreti del connubio tra innovazione e tradizione e costituiscono dei laboratori imprescindibili per lo sviluppo delle aree rurali nel nostro Paese».

Articolo aggiornato in data 19 Giugno 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Il cenacolo delle donne, un libro di Matilde Tortora

Cosa direbbero le donne della famiglia Manzoni se si ritrovassero un giorno riunite in una stanza con le protagoniste de I Promessi Sposi? Questo incontro immaginato che spazia fra realtà storiche e immaginazione prende vita nelle pagine de “Il cenacolo delle donne” di Matilde Tortora pubblicato da Graus edizioni

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)