lunedì 24 Giugno 2024

Dancing Histor(y)ies, ballare “all’interno” della storia

Danzare sulla Storia e con la Storia, riappropriandosi di antiche e nuove narrazioni a partire dalla vita delle comunità che, proprio in territori così ricchi di memoria, hanno scelto di articolare il loro presente

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Un connubio tra la danza e luoghi intrisi di storia. Con queste premesse nasce il progetto Dancing Histor(y)ies cofinanziato dall’Unione Europea, incentrato sulla promozione dei siti archeologici attraverso le arti performative con il coinvolgimento delle comunità locali. Danzare sulla Storia e con la Storia, riappropriandosi di antiche e nuove narrazioni a partire dalla vita delle comunità che, proprio in territori così ricchi di memoria, hanno scelto di articolare il loro presente. 

L’iniziativa è stata oggetto di una conferenza presso la sala stampa della Camera dei Deputati. Hanno partecipato l’On. Federico Mollicone, presidente della commissione Cultura della Camera, Mvula Sungani, direttore artistico del progetto per il Lazio, Alberto Tulli, direttore del Parco archeologico di Ostia Antica e Antonio Giua, responsabile del progetto.

«La danza, attività artistica antichissima ha sempre contraddistinto i grandi teatri di pietra, i grandi luoghi archeologici che un tempo erano vivi – ha ricordato l’On. Mollicone -. Ora viene riscoperta con questo splendido festival internazionale sostenuto dalla regione Sardegna, dalla regione Lazio e dalla Comunità Europea con il coinvolgimento di tanti Paesi e realtà internazionali».

Dancing Histor(y)ies, una vetrina internazionale per la danza

Il progetto di Dancing Histor(y)ies è un esperimento collettivo nato dall’idea di cinque istituzioni culturali afferenti a quattro Paesi europei (Grecia, Italia, Serbia e Spagna), che coinvolge ben tredici partner di undici Nazioni, di cui l’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo in Sardegna è capofila. Coordinatori della sezione italiana, insieme all’Associazione EE. LL. per le Attività Culturali e di Spettacolo, due prestigiosi partners, il Centro Regionale della Danza del Lazio – MSPD Studios ed I Borghi – Auditorium Conciliazione.

Il progetto ha stimolato la nascita del Dancing Histor(y)ies Lazio, denominato Danze di Terra di Ostia Antica, patrocinato dalla Regione Lazio. Il nuovo festival di produzione nasce dal protocollo tra il Centro Regionale Danza Lazio, ente di Promozione e Perfezionamento Nazionale della Danza, riconosciuto dal Ministero della Cultura, ed I Borghi srl, in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia Antica, l’Assessorato alle Attività produttive e Turismo del X° Municipio di Roma Capitale, l’ASI Nazionale, la proloco di Ostia Antica e le principali associazioni ed istituzioni del territorio. 

La danza come linguaggio universale

Si tratta, ha spiegato Mvula Sungani, di «un progetto molto importante perché la danza è un linguaggio universale perché non usa la parola. Mettere la danza in interconnessione con i beni archeologici, storici e anche architettonici della nostra nazione è fondamentale. Dancing Histor(y)ies nasce perché vuole essere un grosso volano promozionale per i siti. Tanto è vero che tutte le produzioni nasceranno e rimarranno nei luoghi. Per cui chi vorrà assistere a queste iniziative dovrà necessariamnte venirle a vedere a Tharros e Ostia Antica». 

L’iniziativa, inoltre, ha un lato rivolto specificamente ai giovani. «Specialmente qui su Ostia Antica – ha aggiunto Mvula Sungani – siamo determinati a voler creare per tutti i giovani artisti del territorio e non solo, la possibilità di farsi vedere, di lavorare e di prendere parte a queste produzioni perché ritengo che il mondo della cultura, della danza abbia bisogno di nuove generazioni che possano, con la loro creatività, dimostrare la bellezza della nostra Nazione».

dancing histor(y)ies, conferenza stampa
Un momento della conferenza di presentazione del progetto Dancing Histor(y)ies

Le date della manifestazione

Il progetto Dancing Histor(y)ies avrà un’anteprima il 25 maggio ad Ostia Antica per poi proseguire con un fitto programma che si declinerà dal 12 al 14 luglio in Sardegna, nell’antica città di Tharros (Cabras) e dal 25 al 27 luglio nel Lazio, nell’affascinante borgo di Ostia Antica.

Articolo aggiornato in data 24 Maggio 2024
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Autrici a confronto, un incontro sulla violenza di genere

Tre libri con un unico filo conduttore, quello della violenza di genere e degli spunti per contrastarla. Questi i temi che hanno caratterizzato la rassegna Autrici a confronto, un incontro organizzato dall’On. Martina Semenzato, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)