sabato 25 Maggio 2024

Confesercenti, ecco la petizione “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia“

Confesercenti chiede sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, credito immediato e un piano per permettere alle imprese di ripartire in sicurezza

Confesercenti è scesa in campo per spazzare via la crisi che attanaglia migliaia di aziende in Italia. In sostanza chiede al governo delle risposte concrete a delle proposte concrete e nel frattempo ha lanciato una petizione online alla quale si può aderire sul portale di change.org.

Il titolo della petizione è “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia“. Confesecenti chiede alla istituzioni «sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, credito immediato e un piano per permettere alle imprese di ripartire in sicurezza».

Confesercenti si mobilita: il manifesto 

Il manifesto della mobilitazione nazionale è uscito sui giornali, nei passaggi in radio e nelle tv. Nel testo si legge che «le attività economiche sono sottoposte a restrizioni ormai da 395 giorni e ogni giorno di chiusure in zona rossa brucia ulteriori 80 milioni di euro di fatturato. L’accelerazione della campagna vaccinale è necessaria ma non basta. Le imprese hanno bisogno di sostegni adeguati, di credito immediato e di un piano per ripartire in sicurezza».

Da qui la richiesta, da parte di Confesercenti, di un “Decreto Imprese” dedicato, «che preveda sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, misure per il credito e soprattutto un piano per permettere alle attività di ripartire in sicurezza», si legge nel Manifesto. Di più. «Noi imprese siamo il motore dell’economia e del lavoro. Solo se ripartiamo, riparte l’Italia». Perché la stragrande maggioranza dei settori ha i conti in rosso, escludendo qualche eccezione.

La lettera al Presidente della Repubblica

Il presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise, ha inviato una lettera inviata al Presidente della Repubblica: «Per guardare al futuro con maggiore fiducia abbiamo bisogno di più di quanto ci sia stato riconosciuto fino ad ora. Le imprese del terziario, del turismo, del commercio e dei servizi, per tanti giorni, non hanno potuto lavorare ed ora sono stremate perché costrette nuovamente a prolungare la propria chiusura. Oggi, 7 aprile, le nostre imprese scenderanno in campo per chiedere di vedersi restituire la dignità del proprio lavoro. Lo faranno, come sempre, nel rispetto delle regole. Sarà una protesta collettiva a “distanza di sicurezza”, con iniziative in tutta Italia. Presidente, lo Stato ci sia vicino e ci aiuti a percorrere quest’ultimo miglio». 

IL MANIFESTO DELLA MOBILITAZIONE NAZIONALE

LE PROPOSTE DI CONFESERCENTI

LA LETTERA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

LE INIZIATIVE SUL TERRITORIO (in aggiornamento continuo)

 

Articolo aggiornato in data 9 Aprile 2021
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Il cenacolo delle donne, un libro di Matilde Tortora

Cosa direbbero le donne della famiglia Manzoni se si ritrovassero un giorno riunite in una stanza con le protagoniste de I Promessi Sposi? Questo incontro immaginato che spazia fra realtà storiche e immaginazione prende vita nelle pagine de “Il cenacolo delle donne” di Matilde Tortora pubblicato da Graus edizioni

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)