lunedì 24 Giugno 2024

Camminata tra gli olivi, l’iniziativa si svolgerà in 18 regioni

Tema della settima edizione dell'evento promosso dall'Associazione Città dell'Olio è "Olio & Salute”. Sul fronte della produzione, invece, cattive notizie per quel che riguarda le quantità

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Domenica 29 ottobre tornerà, in 18 regioni italiane, l’iniziativa della Giornata nazionale della Camminata tra gli olivi. Tema della settima edizione dell’evento promosso dall’Associazione Città dell’Olio è “Olio & Salute”, grazie alla sinergia con la Lega Italiana per la Lotta conto i Tumori (Lilt) e la Fondazione Italiana Fegato (Fif), partner dell’iniziativa. 

Inoltre, prende il via la campagna olearia per il 2023/2024 con le nuove stime che riguardano la produzione.

Camminata tra gli olivi, l’iniziativa

La Camminata tra gli olivi prevede che in 150 Città dell’olio italiane, con la collaborazione dell’Unione nazionale Pro Loco d’Italia (Unpli) e il patrocinio del ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica, oltre agli itinerari previsti con visite a frantoi, Musei dell’olio, olivi secolari e alle bellezze storico-artistiche delle città coinvolte, saranno organizzati momenti divulgativi che hanno l’obiettivo di promuovere nei partecipanti la conoscenza delle proprietà salutistiche dell’Olio Evo, sottolineandone le proprietà benefiche e promuovendone un consumo giornaliero corretto. La Toscana e la regione che primeggia nell’iniziativa con 21 città aderenti, seguono la Puglia, la Sardegna e la Liguria con 16 e poi Veneto con 14 e Lazio con 11. Il programma della camminata tra gli olivi è disponibile sul sito: www.cammintatragliolivi.it

«La Camminata tra gli Olivi nel tempo – commenta Michele Sonnessa, presidente delle Città dell’Olio -.ha cambiato pelle e sta diventando sempre di più un appuntamento dedicato alla sensibilizzazione della popolazione su temi sociali importanti. Lo scorso anno abbiamo acceso i riflettori sul tema dell’abbandono dei terreni agricoli e in particolare degli oliveti, quest’anno grazie alla collaborazione con Lilt e con Fif abbiamo voluto porre l’accento sulle proprietà nutraceutiche dell’olio Evo e sugli effetti benefici che ha sulla nostra salute».

Olio, produzione ridotta ma la qualità resta alta

Intanto, in tutta Italia è partita la campagna olearia 2023/2024. Le prospettive, purtroppo, non sono proprio ottimali, almeno per quel che riguarda le quantità. Secondo una prima stima, infatti, il raccolto non sarà molto elevato, ma la qualità si prospetta eccellente. Si tratta di un quadro confermato anche da Giampiero Cresti, vicepresidente Consorzio Olio Toscano Igp: «La campagna attuale in termini quantitativi è difficile nelle aree interne della Toscana; in provincia di Siena le stime lasciano intendere una riduzione della produzione pari al 40-50 per cento, ma con una qualità che si preannuncia ottima».

Una situazione che riguarda tutto il territorio regionale toscano, con un incremento di oliveti intensivi e superintensivi in zone pianeggianti come nel caso della Maremma e della Valdichiana nel versante aretino. 

olive

Coltivazioni intensive

Quella intensiva è una tipologia di coltivazione che pensando al consumo di acqua, alla tutela della biodiversità e alle ripercussioni sul paesaggio tipico toscano fa riflettere. Le conseguenze sul paesaggio, inoltre, sono legate a doppio filo all’oleoturismo, un segmento su cui la Strada del Vino Nobile di Montepulciano e dei Sapori della Valdichiana Senese insieme all’Ambito Turistico della Valdichiana Senese sta lavorando molto. Ci sono, infatti, varie iniziative, sulla scia del concorso di Città dell’Olio vinto da Valdichiana Living nel 2020 nella categoria “Olio & Benessere”.

Riguardo alle coltivazioni intensive, Cresti aggiunge: «Non ho preconcetti nei confronti di oliveti intensivi e superintensivi, ma – avverte – è necessario sempre ragionare nel complesso e valutare i territori dove si va a operare. Dove possibile è necessario pensare a un ammodernamento mantenendo comunque la tipicità del nostro territorio. Trequanda è stato il primo Paesaggio Rurale Storico della Toscana per autenticità del paesaggio e tutela della biodiversità, per questo è importante preservarlo».

Articolo aggiornato in data 24 Ottobre 2023
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Autrici a confronto, un incontro sulla violenza di genere

Tre libri con un unico filo conduttore, quello della violenza di genere e degli spunti per contrastarla. Questi i temi che hanno caratterizzato la rassegna Autrici a confronto, un incontro organizzato dall’On. Martina Semenzato, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)