lunedì 24 Giugno 2024

Asi Circuito Tricolore 2024, al via la quarta edizione con 18 eventi 

Saranno 18 eventi che coinvolgeranno oltre 350 comuni italiani e oltre 40 province, portando lungo tutta la Penisola un vero museo itinerante composto da auto e moto storiche in grado di creare opportunità di promozione turistica e sviluppo culturale

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Si attende la luce verde dei semafori per il via ad Asi Circuito Tricolore 2024, iniziava dell’Automotoclub Storico Italiano. L’obiettivo è la conoscenza e la valorizzazione dei territori attraverso il motorismo storico dinamico abbinato a tutto ciò che il mondo invidia al nostro Paese: bellezze paesaggistiche e architettoniche, enogastronomia, proposte culturali e buon vivere. 

La nuova edizione conterà 18 tappe a partire dal 5 aprile fino al prossimo 6 ottobre. Si tratta di una iniziativa patrocinata dai Ministeri della Cultura e dei Trasporti, Anni, Città dei Motori, Stati Generali del Patrimonio Italiano e FIVA (Federazione Internazionale dei Veicoli Storici).

La manifestazione è stata presentata in una conferenza stampa alla Camera dei Deputati. Hanno partecipato l’On. Giorgio Mulè, vice presidente della Camera, Alberto Scuro, presidente Asi,  Agnese Di Matteo, vice presidente Asi, Francesco Di Lauro, presidente Commissione Asi Green e Felice Graziani, responsabile Asi Circuito Tricolore. Inoltre, hanno portato il loro saluto la senatrice Elena Murelli, presidente dell’Intergruppo Parlamentare del Motorismo Storico e l’On. Cristina Rossello, presidente dell’Intergruppo Parlamentare del Patrimonio Italiano.

Asi Circuito Tricolore 2024 all’insegna della sostenibilità

Saranno 18 in tutto le manifestazioni del calendario di Asi Circuito Tricolore 2024. Gli eventi coinvolgeranno oltre 350 comuni italiani e oltre 40 province, portando lungo tutta la Penisola un vero museo itinerante composto da auto e moto storiche in grado di creare opportunità di promozione turistica e sviluppo culturale. 

Inoltre, la stagione di ASI Circuito Tricolore 2024 si presenta con un rilevante aspetto legato alla sostenibilità. In ogni evento, infatti, sarà utilizzato un innovavo bio-carburante prodotto da materia organica che permette un bilancio di anidride carbonica ridotto dell’80 per cento nel ciclo di vita. L’iniziava è promossa da Asi Green, la Commissione che ha l’obiettivo di mettere a sistema azioni sui tre fronti della sostenibilità: economico, ambientale e sociale. 

asi circuito tricolore 2024
Auto storico sul percorso di “Valli e nebbie” di Asi Circuito Tricolore

Tutte le novità della manifestazione

Rispetto alle precedenti edizioni, il calendario di Asi Circuito Tricolore 2024 propone nuovi eventi per le auto, come il ritorno del “Gran Premio di Bari”, la “Coppa Toscana”, il “Grand Prix Bordino”, tra Alessandria e il lago Maggiore, “Autogirovagando” in Romagna e il “Giro della Valle del Liri” alla scoperta del Lazio. 

“Sulle strade della Pugliesità DOC” quest’anno è riservato alle motociclette e interesserà il Gargano. Conferma, tra le auto, il “Valli e nebbie”, la “Coppa della Perugina”, il “Giro di Sicilia”, la “Coppa Gentlemen Sardi”, “La Leggenda di Bassano”, il “Circuito di Avezzano Abruzzo Gran Tour”, il “Concorso di Eleganza di San Pellegrino Terme” (per auto e moto) e il “Gran Tour dell’Elba”. Per le moto tornano “Il Primavera di Augusto Farne” a Rimini e dintorni, “Motocicletando” in Toscana, “In moto sulle Alpi” sulle montagne piemontesi e il “Circuito del Chien e Potenza” sulle strade marchigiane. 

La stagione apre venerdì 5 aprile all’ombra del Castello Estense di Ferrara con il “Valli e nebbie”, appuntamento che permette di scoprire le meraviglie naturalistiche del Delta del Po e l’offerta culturale della città. Quasi cento auto storiche affrontano un percorso che tocca l’oasi naturalistica delle Vallette di Ostellato per proseguire nelle valli di Comacchio fino al centro della cittadina conosciuta come la “piccola Venezia”. 

Un patrimonio senza pari

In occasione della presentazione dell’edizione 2024 di Asi Circuito Tricolore, l’On. Mulè ha affermato: «I veicoli storici non sono semplicemente mezzi di trasporto ma sono espressione di libertà, dinamismo, creatività. Evocano epoche e momenti storici ma anche i paesaggi, i colori, gli odori e perfino i sapori del made in Italy più autentico. Il patrimonio culturale e artistico dei veicoli storici conservati in Italia non ha pari al mondo e anche per questo deve essere salvaguardato, tutelato, divulgato e sviluppato».

Inoltre, ha aggiunto, «questo settore contribuisce alla crescita economica del Paese e vede l’Italia primeggiare per la qualità dei veicoli, della filiera professionale, degli eventi e dell’indotto turistico da essi generato. In questo scenario si pongono come riferimenti irrinunciabili le associazioni che, come l’ASI, con l’amore e la competenza di migliaia di persone condividono una passione sana e trasversale, in grado di far comunicare tra loro tutte le generazioni».

La cultura dei motori

«La cultura dei motori – ha aggiunto Alberto Scuro, presidente Asi – è in grado di contribuire in maniera concreta e sostanziale all’intero sistema Paese. La nostra mission di tutela si concretizza grazie all’attività di 350 Club diffusi su tutto il territorio nazionale e del contributo di oltre 8.000 volontari che promuovono cultura, turismo e qualsiasi tipo di iniziativa legata al motorismo storico. Ogni anno organizziamo oltre 3.000 eventi dinamici, 900 iniziative culturali, circa 600 solidali e siamo parte attiva in vari corsi di formazione che assicurano ai giovani importanti scenari occupazionali. Asi Circuito Tricolore si inserisce esattamente in questo contesto e ne esalta ancor di più il potenziale».

E ha concluso ricordando come «allo stesso tempo, prosegue il nostro percorso virtuoso verso il futuro del settore e grazie al lavoro della Commissione Asi Green ci stiamo focalizzando su un tema fondamentale: quello della sostenibilità. Unita alla fondamentale distinzione tra veicoli vecchi e storici, questi ultimi certificati secondo le leggi dello Stato, ci permette di salvaguardare la circolazione a fronte di un’influenza residuale delle emissioni. I veicoli storici non sono un problema ma una ricchezza per il Paese e devono poter circolare anche sulle strade di domani». 

asi circuito tricolore 2024, conferenza di presentazione
Un momento della conferenza di presentazione di Asi Circuito Tricolore 2024

Articolo aggiornato in data 4 Aprile 2024
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

Consigliati per te

Nuovi ingressi in Anica Academy Ets: Fondazione Eos e Labs di Fapav

Il CdA di Fondazione Anica Academy ETS, presieduto da Francesco Rutelli, ha approvato all'unanimità l’ingresso di altre due realtà che costituiscono un fiore all’occhiello del settore cinema e audiovisivo: Fondazione EOS - Edison Orizzonte Sociale ETS e LABS - Learn Antipiracy Best Skills di Fapav

Autrici a confronto, un incontro sulla violenza di genere

Tre libri con un unico filo conduttore, quello della violenza di genere e degli spunti per contrastarla. Questi i temi che hanno caratterizzato la rassegna Autrici a confronto, un incontro organizzato dall’On. Martina Semenzato, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio

Giornali del Portogallo: l’elenco aggiornato

Dopo aver consultato il nostro elenco dei giornali italiani e avere visionato una o più testate giornalistiche presenti nelle nostre liste regionali, abbiamo pensato che poteva essere di tuo interesse anche una selezione dei giornali del Portogallo (jornais portugueses)