Andrea Marici porta Ferrara nella cerimonia di apertura dei mondiali

Il ballerino ferrarese riceve i complimenti e l’omaggio del primo cittadino Alan Fabbri e ricorda: «In ogni istante ho ripercorso la mia carriera. Il futuro? La mia città al centro degli obiettivi»

La danza porta la città di Ferrara ai mondiali di calcio in Qatar. Il merito è tutto di Andrea Marici, ballerino professionista di 32 anni che lo scorso 20 novembre, in mondovisione, ha realizzato (insieme a danzatori selezionati in tutto il mondo) le grandi coreografie della cerimonia di apertura dei Mondiali in Qatar, a fianco del premio Oscar Morgan Freeman. Con lui anche un’altra ferrarese, Martina Saccenti.

«Ferrara è stata, ed è, al centro dei grandi obiettivi della mia vita. Devo tantissimo alla mia città», ha commentato Andrea Marici. Il ballerino ha incontrato il sindaco di Ferrara Alan Fabbri, nel suo ufficio di palazzo Municipale. Un’occasione anche per uno scambio di doni. Martina Saccenti, invece, non ha partecipato all’incontro in quanto impegnata in alcune prove a Milano.

Andrea Marici, il racconto dell’esperienza ai mondiali

«Ogni istante di quell’evento, e dei giorni che l’hanno preceduto, è impresso nella mia mente – ha raccontato il ballerino 32enne nato a Codigoro  ma residente a Ferrara -. Il primo ingresso in uno stadio imponente, la ferrea organizzazione, il ricordo dei momenti, anche difficili, che mi hanno portato fino a lì. Una esperienza che conservo e conserverò come l’obiettivo, importante, di un lungo percorso ancora in essere». 

E ha poi precisato: «Un percorso fatto sempre di continui tentativi. Ripensandoci, ogni risultato è arrivato quasi sempre al secondo tentativo. Provarci, cascare, capirne i motivi e riprovarci. Questa è stata la mia storia e questo è stato il mio modo di conquistare le soddisfazioni che mi porto dentro. Ed esserci, da ferrarese, mi ha fatto sentire fiero, perché Ferrara è sempre stata al centro della mia preparazione, un punto di riferimento fondamentale». 

LEGGI ANCHE: Unesco e Ferrara, un documentario per la Tv di stato cinese

Ferrara sul palcoscenico del mondiale

«Avere grandi professionisti della nostra città in un palcoscenico di quella portata è sicuramente un motivo di orgoglio», ha detto il sindaco Alan Fabbri. «Abbiamo visto Andrea alla tv, ne abbiamo apprezzato le capacità, frutto di capacità, allenamento, sacrifici. Questa determinazione e questa umiltà rappresentano lo spirito della nostra terra, scelta da Andrea e da altri grandi artisti e campioni come luogo ideale per la preparazione e per la concentrazione sugli obiettivi». 

Andrea Marici e il sindaco Alan Fabbri
Andrea Marici e il sindaco di Ferrara Alan Fabbri (foto da Uff. stampa comune di Ferrara)

In questi dieci anni da professionista Andrea Marici ha vissuto in alcune delle grandi capitali del mondo, New York, Londra, tra le altre cose ha ballato con cantanti e artisti internazionali come  Justin Bieber e Camila Cabello. Come ha ricordato lo stesso Marici, «in Qatar abbiamo provato in uno stadio vuoto e l’abbiamo ritrovato pieno di persone, di luci, di tifosi. Fin dal primo momento dovevamo essere consapevoli della differenza di esibirci di fronte a un pubblico di quell’estensione, in mondovisione. Abbiamo dovuto abituarci all’idea di vedere quelle sedie piene, e non solo, provando a catturare l’attenzione e l’entusiasmo di ciascuno». 

Un futuro da insegnante di ballo

Con Andrea Marici, all’incontro con il primo cittadino, erano presenti anche la mamma Maria Pia, la fidanzata Graziana, anch’essa ballerina di successo, con presenze all’Eurovision e nel contesto di eventi per grandi marchi, e il migliore amico, Maicol. «Anche a loro devo tanto, mi hanno sempre sostenuto e incoraggiato».  Infine, ecco i progetti per un futuro che «sicuramente passa da Ferrara. A proposito: mi sto concentrando sull’attività e sui progetti di sviluppo della mia scuola di ballo, il Club 570».

LEGGI ANCHE: Ferrara, la stampa anglosassone celebra il cibo della città estense

Articolo aggiornato in data 15 Dicembre 2022
© Riproduzione riservata