sabato 24 Febbraio 2024

Agriturismi, riscoperta della natura: +2 per cento dal 2021

Attualmente, l'Italia conta circa 25.400 aziende agrituristiche in grado di offrire un potenziale di più di 294mila posti letto e 532 mila coperti per il ristoro e quasi 2000 attività di fattoria didattica per i più piccoli

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Da Bruxelles alle aree interne d’Italia servono politiche, strumenti e risorse che consentano davvero di mettere a terra interventi concreti e mirati a valorizzare il ruolo chiave degli agriturismi in ambito sociale, ambientale ed economico, soprattutto nelle zone rurali del Paese. 

Così Cia-Agricoltori Italiani e Turismo Verde, la sua associazione per la promozione agrituristica, riunita a Roma in Assemblea nazionale, ripartendo dalla Pac e dalle sue opportunità per il settore, con il contributo al dibattito di Ismea, Crea e GAL Terre Pescaresi e Capo di Leuca.

Agriturismi, credere di più nel settore

Per Cia e Turismo Verde, è necessario che l’Europa in primis, con la nuova programmazione 2023-2027, e poi, a livello nazionale, governo e regioni credano di più negli agriturismi, tanto più vista la crescita costante del settore con ora all’attivo 25.849 aziende, quasi il 2 per cento in più rispetto al 2021, e il valore della produzione salito a 1,5 miliardi di euro in un anno.

Nel metodo come nelle risorse, però, la Pac presenta ancora limiti evidenti per il comparto, frenato da troppa burocrazia e poca chiarezza. Servono incentivi Ue agli investimenti, sottolineano Cia e Turismo Verde: quelle risorse adeguate a rafforzare l’offerta agrituristica nella programmazione di sviluppo rurale e avviando progetti integrati alla promozione locale. 

In particolare, occorre portare all’80 per cento gli aiuti del Psr che per gli agriturismi sono fermi al 50 per cento in conto capitale. Strategica la misura per la diversificazione, cui vanno 286 milioni del Piano Strategico della Pac, ma non sufficiente nello stanziamento a incoraggiare le aziende agricole all’attività turistico-ricreativa.

Transizione green

Una partita, dunque, che vede il settore agrituristico ancora messo da parte rispetto a una transizione a matrice green, sostenuta dall’Europa, nonostante ne sia appieno protagonista quale volano dell’agricoltura, a presidio delle aree interne e a salvaguarda della biodiversità, sempre più orientato alle energie rinnovabili e a una gestione green. L’approccio Ue richiede, quindi, una maggiore capacità di fare quadrato a livello regionale di fronte alla Pac, come al de minimis, per semplificare i processi e rendere più accessibili gli strumenti, fino a rilanciare il confronto con i GAL per bandi più in linea con le esigenze del comparto.

Infine, anche per gli agriturismi, c’è un Pnrr su cui insistere. Il 2024 “Anno delle radici italiane” vede l’Organizzazione coinvolta nel progetto correlato di promozione turistica, rivolto ai discendenti di persone emigrate. L’iniziativa trova nelle strutture agrituristiche delle aree interne, il contesto ideale per riscoprire i luoghi d’origine, tra storia e tradizioni che la cucina contadina regionale esalta.

Un pilastro del turismo rurale

«Ci attende, dunque, un lavoro importante per rafforzare il posizionamento dei nostri agriturismi -ha detto il presidente di Turismo Verde-Cia, Mario Grillo-. Bisogna rinnovare la legge nazionale dedicata al settore, cui stiamo per dedicare un tavolo tecnico di confronto, ma anche continuare a investire in formazione, coinvolgendo scuole e istituti professionali, considerata anche la carenza cronica di personale, e rafforzare l’impegno in comunicazione e fiere di settore».

«Dobbiamo tenere accesi i riflettori sui nostri agriturismi, vero pilastro del turismo rurale -ha concluso il presidente di Cia, Cristiano Fini-. Solo continuando a puntare sul loro carattere distintivo che coniuga tradizione e innovazione, sapremo fare emergere tutte le potenzialità delle nostre strutture e creare le condizioni per lo sviluppo del comparto. Parliamo all’Europa, presidiamo i tavoli istituzionali e rafforziamo la nostra voce a livello territoriale nel dialogo con le Regioni».

agriturismi, gite fuori porta

Agriturismi, i numeri in Italia

Attualmente, secondo gli ultimi dati diffusi dalla Coldiretti, il nostro Paese conta circa 25.400 aziende agrituristiche in grado di offrire un potenziale di più di 294mila posti letto e 532 mila coperti per il ristoro e quasi 2000 attività di fattoria didattica per i più piccoli.

Il recente boom di queste strutture si deve sì alla riscoperta della natura, ma soprattutto della voglia di stare insieme per comunicare. Situazioni che il silenzio della campagna a tavola certamente favorisce. Inoltre, oggi gli agriturismi hanno adeguato la propria offerta alle nuove esigenze.

La capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è, spiega la Coldiretti, la qualità più apprezzata dagli ospiti degli agriturismi. Qui, infatti, è possibile riscoprire i sapori del passato a chilometri zero. E allo stesso tempo aumenta l’offerta nelle campagne di servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti.

Articolo aggiornato in data 11 Gennaio 2024
© Stampa Italiana 2020-2024 | Riproduzione riservata
www.stampaitaliana.online

SIR Sistemi Italiani Ristorazione riceve il Premio Industria Felix

SIR Sistemi Italiani Ristorazione Srl ha ricevuto il Premio Industria Felix 2023 – L’Italia che compete, riconoscimento assegnato alle migliori società italiane per performance gestionali, affidabilità finanziaria e sostenibilità